Vignola; Danti, Egnazio [Comm.]
Le Dve Regole Della Prospettiva Pratica Di M. Iacomo Barozzi Da Vignola — Rom, 1611 [Cicognara, 810B]

Page: 17
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/vignola1611/0031
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
17

TEOREMA PRIMO
P R O P. PRIMA.

«8SSS8».


Equal si voglia triangolo sarà pofto sra due linee parallele , & da'
due punti della parallela superiore equidistanti dalla sommità del
triangolo, saranno tirate due linee à gl'angoli oppofti della bafa,
che taglino 1 lati di elso triangolo, la linea che per le intersegatio-
lli si tirerà, farà parallela alla bafa .
Sia il triangolo ABC, pofto sra due linee parallele DE, &B C> & dalli due punti D, & E, equidi-
àicn Ih rpunt0 A> Sommità del triangolo , si tirino le due linee E B, & D C, a gl'angoli oppofti B C,
del triangolo^1CintcrfeSationi F G' fi tirera lalinea rettaM N 5 fara Parallela a!la bafa-J -
coK^r0 le-due linee DE' & BC' Parallele ' seg»>rà che li due triangoli EAG, & GBC, siano equian- lSjeju
FAr- firniIl'attefo che lidue angoli che fi toccono nel punto G,fono vguali,& cosìpariméte l'angolo 2Q'dej s
j v&nale all'angolo GCB, & l'angolo AEG , all'angolo GBC, per il che i lati, che fono attorno y''dd ^
t?Ar ang0li vSuah> faranno"proportionali : la Onde sarà E A, ad AG, come è BC, à CG, & permu- '6 de{ '
l >F ? c E A' a B C> come e aG> a G&11 medefimo fi dimoftrerà parimente nelli due triangoli A
ut> & BcF> che siano equiangoli & fimili, & che la DA, fia alla BC, come è A F, ad F B. ma D A, &


AE s
come AG ^ r n ' adunclue come e AE> a BC> così e AD, alla medefima BC & perche A E, era i BC,
è AE 4 kp3 ex & AD> a BC' come è A F, ad FB, & le due DA, & A E, sono vguali, adunque come-.
sjn lara A G, à GC, & A F, ad F B, & confeguentemente sarà A G, à GC, come è A F, ad F B.

adunque nel triari* * Vj*"' °f A **» aa h J5, & confeguentemente ìara /i vj, a u^, come e ^ r, aa r ti.
F,G & così 1-Hi"^ ** AKG» ^ duc lac* A B, & A C, làranno tagliati proportionalmcnte ne' due punti
dimoftrare a" sard Parallela alla basa dd triangolo BCche è quello che si era proposto di
Punti cquidiftì ^A TCgga ' che la re8ola del,a «^'gradarione de' quadri posta dal Vignola con li duo
C1 dal punto principale della Prospettiua, è vera.fi come al suo luogo si annoterà.
TEOREMA SECONDO. PROP. SECONDA.
vnà^ linea1 ^ triangol° P°so> fa due lince parallele , & che per elso si tiri
fa fi tir'n 'cT* farallela alla baia'cne %ni u Iati » & <*# due angoli di efla ba-
viH'tirif0 um,lneej cnePaufando per le-due inteikgaticni oppofte adesfiangoli
del !Ì° u Pascla, arriueraano a'due punti equidiftanti dalla fommità

n.delf.
2. del 6.

triangolo.

Siail
loading ...