Inghirami, Francesco [Editor]
Galleria Omerica o raccolta di Monumenti antichi (Band 1) — [S.l.], 1831

Page: 189
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/inghirami1831bd1/0316
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
ARGOMENTO

DEL IX. LIBRO

DELLA ILIADE

I

Troiani che si reputano superiori ai Greci per
l'esito dei fatti d' arme passati, altra cura non
hanno che di stare in guardia di loro stessi. Noti
così de' Greci che si trovano involti in costerna-
zioni e pensieri ( v. 9. ) Agamennone e disani'
maio a tal segno, che formata la militare consueta
adunanza manifesta la sua determinazione e consi-
glia V abbandono del campo (v. 28). Tanta pusilla-
nimità gli ìi rinfacciata da. Diomede, colfannuenza
degli altri Greci ( v. 5i ). Nestore propone che
nel ristorarsi col cibo si vada esplorando nello
stare a mensa, ciò che sia d^ uopo di fare (v. 79).
Imbandita difatti la cena , egli saviamente pro-
pone di placare Achille. ( V. Il3). A ciò disposto
Agamennone sceglie tosto quei doni che mandar
gli si debbono, secondo Vuso, air effetto di placar*
lo ( v. 161 ) . Gli ambasciatori son già scelti a
tal uopo, e già sono in viaggo ( v. 184- )• Giunti
alla tenda dello sdegnato eroe, che pur gli acco-
glie cortesemente, lo trovano occupato a suonar
loading ...