L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 26.1923

Page: 192
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1923/0214
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Antifonario miniato di Giovanni di Paolo

Tra i più deliziosi oggetti d'arte della Biblioteca comunale di
Siena è un antifonario miniato del Quattrocento, opera di piccolo
maestro, squisito per grafiche eleganze e cromatiche delicatezze: dio
vanni di Paolo.1 Zampilla nello strascico di veste violacea, dalla fio-
rita L di una iniziale (fig. i), l'immagine di Sant'Agnese, con tutti i
difetti di proporzione in cui suo] cadere l'ingenuo pittore: braccia
corte, grosso e lungo collo, testina ovale appuntita, ma anche con

In

In Ui

Fig, t. — Gio. di Paolo: ■ llfllflt •»•%•• ^

Miniatura. Dall'antifo-
nario della Biblioteca ci- Fig. 2. — Gio. di Paolo: Miniatura,
vica di Siena. Dall'antifonario della Biblioteca civica di Siena.

ineffabile gentilezza [di tinte sbiadito, pallidi viola, bianchi grigiognoli, biondo lino,
di contorni esili sottolineati da fredde luci. Dalle curve di cetra che profilan le foglie
rigogliose, sporgendosi con slancio di prora a chiuder la L iniziale, si dirama come
penna rigida la pallida figurina, nella sua meravigliata grazia infantile.

1 II codice è ricordato e descritto da Gaetano Mi-
lanesi in Vasari, Vite (Ed. Le Mounier, 1SS0, vo-
lume VI). Codice membranaceo secolo xv (Biblio-

teca Comunale di Siena, segnat. G-I-S), ff. 217,
mm. 400 X 600. E un Antifonario scritto in gotico,
con annotazioni musicali e numerose miniature di
loading ...