L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 26.1923

Page: 246
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1923/0268
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
246

LIONELLO VENTURI

un tempo intensità e leggerezza, che permette alle immagini di vibrare e di atteggiarsi
con eleganza squisita. La rapidità per esempio con cui la nostra fantasia percepisce l'imma-
gine dell'evangelista Giovanni è addirittura portentosa (fig. 7).

E ora riflettiamo al momento in cui Lorenzo Ghiberti giovane, trionfatore del grande
concorso, padrone della sua tecnica, con un procedimento stilistico perfettamente omo-
geneo, si accinse alla prima porta. Egli aveva vinto perchè meno rivoluzionario di altri
concorrenti, perchè provvisto di un senso decorativo più fine, perchè tecnico del bronzo
impeccabile, perchè, meno ricercatore di altri, egli era più di tutti sicuro di sè. Altri poteva

Fig. 7. Ghiberti : Giovanni l'Evangelista.
Firenze, Battistero. (Fot. Brogi).

avere possibilità maggiori; egli aveva per sè risultati più raggiunti. Nella certezza della
gloria, nell'entusiasmo della giovinezza, si abbandonò alla creazione spontanea.

Immaginò il Presepe o l'Adorazione de' Magi: danze liete di linee e di piani, appari-
zioni simultanee di rocce, d'alberi, di case, d'immagini umane; tutto lieto, tutto giovane,
tutto un idillio fra gli uomini e il fanciullo, fra uomini e cose. Le trovate geniali si suc-
cedono. Sono gli atti fanciulleschi di Gabriele e dell'Annunziata, ed è la grandiosa imma-
gine della Madre sorpresa, impensierita quando ritrova il Figlio fra i dottori. È il lieto
e dolce osanna degli angeli attorno il capo del Cristo tentato (fig. 8) ed è l'ira del Cristo
che caccia dal Tempio. È l'ansia soffusa di gentilezza attorno Lazzaro risorto, ed è il tor-
mento delle aricciature attorno il sonno degli apostoli sul Monte degli ulivi. È il magni-
fico ritmare dei gesti e dei corpi per infonder decoro alla Flagellazione di Cristo (fig. 9);
ed è l'esasperato dolore attorno il Crocefisso rivelato da un assurdo inatteso, dalla crudezza
tagliente della linea. li la vegetazione lussureggiante attorno l'ombra prudente del Cristo
risorto, ed è l'improvviso tormento morale di Giovanni l'Evangelista.

La fantasia del Ghiberti vive nelle sue linee e nei suoi piani come nelle sue reazioni
loading ...