Bartoli, Alfonso
I monumenti antichi di Roma nei disegni degli Uffizi di Firenze (Band 6): Descrizione dei disegni — Roma, 1923

Page: 11
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bartoli1923bd6/0016
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
(Bramante)

— 11

(Bramante)

BRAMANTE

Tecnica: penna.

Alt. 132 - Largh. 110.

Carta bianca.

Nato a Monte Asdrualdo presso Ferinignano (Urhino) nel 1444 ;
morto a Roma l’ii aprile 1514.

Si stabilì a Roma nel 1499 « desiderOso poter vivere del suo, ed
« insieme, senza avere a lavorare, potere agiatamente misurare tutte le
« fabbriche antiche di Roma. E messovi mano, solitario e cogitativo
« se n’andava; e fra non molto spazio di tempo misurò quanti edifizi

Vedi le osservazioni al precedente dis. 4099.

« erano in quella città e fuori per la campagna e parimente fece fino
« a Napoli, e dovunque e’ sapeva che fossero cose antiche. Misurò ciò
« che era a Tiboli ed alla Villa Adriana; e... se ne servì assai ». (Va-

Arch. 1715. Tav. XXIII, fig. 47.

sari, IV, 154).

Spaccato trasversale del caldarium delle Terme di


Diocleziano.

Paes. 401. Tav. XXI, fig. 43.

Rovine di edifici romani, specialmente delle Terme
di Diocleziano, arbitrariamente e fantasticamente ag-

Tecnica: penna.

Alt. 140 - Largh. 155.

Carta gialla sottile.

gruppate insieme.

Non è un disegno originale, ma un lucido di un disegno forse
del Bramante.

Tecnica: penna e matita rossa.

Alt. 255 - Largh. 425

Carta bianca.

Bibliografia. - Ferri 202.

Bibijografia. - Ferri 191.


Arch. 1732. Tav. XXIII, fig. 48.

Arch. 104 recto. Tav. XXII, fig. 44.

“ a monte magnja nafioli „. Rappresentazione er-
rata di parte dell’emiciclo orientale del Foro Traiano.

Schizzo in pianta misurata di più della metà del
corpo centrale delle Terme di Diocleziano. (Le mi-
sure sembrano di mano di Giuliano da Sangallo).

Tecnica: penna e bistro, riga e compasso.

Alt. 135 - Largh. 170.

Carta bianca.

Sul verso (che non riproduco) pensieri per la fab-
brica di S. Pietro. Vedine la riproduzione in Geymul-
ler, Entw. 1 St. Peter, tav. NVIIl, fig. i.

Tecnica: matita rossa, ma le cifre delle mlsure a penna.

Alt. 410 - Largh. 535.

Questo e il seguente dis. 1733 appartengono a una serie di quin-
dici disegni (Arch. 1724-1738) i quali, ritagliati da fogli di uguale carta,
dimostrano aver fatto parte di un libro. Sul primo dei quindici è scritto
BRAMANTE e quasi tutti rappresentano particolari arehitettonici del
Belvedere e di altre opere dell’insigne architetto. Ma non si tratta di
disegni originali del Bramante, bensì di copie eseguite e riunite in un
libro da un ignoto del sec. xvi.

Carta bianca.

Bibliografia. - Ferri 202.

Bibliografia. - Ferri, 163 e 167.


Arch. 1733. Tav. XXIII, fig. 49.

Arch. 4097. Tav. XXII, fig. 45.

1) Schizzo di base attica con intagli ornamentali.

“ Qiiesta basa e p'esso a S. Marco Disegno di
base attica.

2) Schizzo di base corintia con intagli ornamentali.

Tecnica: penna.

Tecnica: penna, riga e compasso.

Alt. 115 - Largh. 080.

Carta bianca.

Alt. 156 - Largh. 0,96.

Carta bianca.

Vedi le osservazioni al precedente dis. 1732.

Questo è il seguente dis. 4099 non mi sembrano del Bramante:
forse sono copie da Bramante di un ignoto del sec. xvi.

Bibliografia. - Ferri, 129.


Arch. 1711. Tav. XXIV, fig. 50.

Arch. 4099. Tav. XXII, fig. 46.

Schizzo di base corintia con intagli ornamentali.

1) Schizzo prospettico delle tre grandi arcate della
Basilica di Costantino. (Cfr. il seg. dis. 1712 verso).
loading ...