Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma — 22.1894

Page: 132
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bcom1894/0148
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
132

Il magazzino archeologico comunale

Discorso del marchese Nobili-Vitelleschi.

Signore e Signori,

Voi ricorderete come fin dal maggio 1872 fu istituita dal
Comune di Roma una Commissione archeologica nello scopo di ve-
nire in aiuto alla sua amministrazione per tutelare e curare il
patrimonio delle memorie e delle glorie patrie che gli è confi-
dato; per il quale, benché sia divenuto anche quello della nazione,
la città ed il popolo di Roma nutre nel suo cuore uno speciale
ed orgoglioso all'etto. Questo s'ispira a quelle tradizioni che trovano
la loro espressione in quella sigia che a traverso i secoli, segno
d'altissima gloria e d'immensi dolori ma sempre di grande civiltà,
sta ancora iscritta nel suo venerato stemma.

Quando la Commissione nacque, sebbene conscia del suo grave
e delicato compito, era lungi dal prevedere l'importanza che esso
avrebbe in breve tempo acquistata per l-'interesse dell'arte, della
scienza e della storia.

Ed infatti non andò guari che il Comune di Roma sotto l'im-
pulso dei tempi nuovi e dei nuovi destini ai quali la città era
chiamata, intese ad ampliarla e a darle uno svolgimento che fosse
più adatto a compierli. I primi movimenti d'espansione si ma-
nifestarono non molto dopo la sua prima fondazione.

Essi furono da principio limitati e lenti: e fu grande ven-
tura, perchè questo svolgimento graduale dette tempo alla Com-
missione di rendersi conto del campo che si apriva alla sua atti-
vità e della nuova responsabilità che le incombeva.

Era oramai evidente che per i grandi lavori del piano rego-
latore si sarebbe dovuto necessariamente solcare sopra una grande
loading ...