Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma — 22.1894

Page: 312
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bcom1894/0343
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
IL POSTO DEGLI ARVALI NEL COLOSSEO
E LA CAPACITÀ DEI TEATRI DI ROMA ANTICA

(Tav. XV)

Fra i documenti sulle antichità dei teatri romani, è stato
tenuto sempre in gran conto quel brano degli Atti Arvalici
dell'anno 80 d. C, che parla dell'assegnazione dei posti nel-
l'Anfiteatro allora costruito. Ne hanno ragionato tra altri il Mor-
celli (de stilo inscr. p. 199-201), il Marini (Arv. p. 224), lo
Huebner (Annali dell'Inst. 1856, p. 62-63), il Mommsen, nelle
postille all'articolo dello Huebner (Annali 1859, p. 125), il
Lanciani in questo Bulleltiiio voi. Vili (1880), p. 272 sg. Tutti
han riconosciuto l'importanza del documento, ed hanno deplorato
che non lo abbiamo secondo l'originale uscito dalla cancelleria
del 'praefeclns annonae, ma soltanto nell'apografo inciso in marmo,
nel medesimo anno 81, da uno scarpellino, che il Lanciani chiama
' idiota o poco meno '. — Gli interessanti studi del dott. D. Va-
glieri intorno ai frammenti delle tavole arvaliche (Notizie degli
scavi 1892, p. 267-272), hanno giovato a migliorar la lezione
anche di una frase importante dell'assignatio, e mi hanno dato
occasione di occuparmi nuovamente di quel testo.

E una notabile scoperta del Vaglieli l'avere riconosciuto,
che in alcuni luoghi, ove le tavole sono intere ed hanno il mar-
gine antico, il testo finora creduto intero, non lo è; perchè la
scrittura fu continuata sul margine di un'altra tavola attigua;
come p. es. la tavola dell'anno 69 conserva alcune poche lettere
di quella - del resto perduta - dell' a. 70, ecc. Nel caso nostro
loading ...