Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 1.1889

Page: 957
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1889/0541
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
NUOVE METOPE ARCAICHE SELINUNTINE

RELAZIONE A S. E. IL MINISTRO BELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

PROF. P. VILLARI

(Con tre tavole)

Eccellenza,

Quando l'È. V., affidandomi la direzione degli scavi
di Selinunte, mi richièse d'indicare il posto dove con-
venisse di scavare quest'anno, proposi due lavori : la
continuazione dello scavo delle fortificazioni aggiunto
all'ingresso settentrionale dell' acropoli, e lo sgombro
completo, ove i mezzi pecuniari lo consentissero, del
tempio lì prossimo, indicato con la lettera D. E feci
quelle proposte, parendomi utile e decoroso che si
completasse l'opera intrapresa negli anni scorsi, dalla
quale, sotto l'oculata direzione del mio collega prof.
Patricolo, si erano ottenuti risultati importantissimi
non solo per la topografia selinuntina, ma più ancora
per la conoscenza dell'architettura militare dei Greci.
Questi risultati mi parvero talmente degni delle cure
di un governo desideroso di promuovere gli studi, che
invece di proporre altri lavori, dai quali il Museo
palermitano avrebbe potuto ricavare ricca messe di
oggetti mobili, preferii rimettere a luce le mura ; nel
qual lavoro il semplice caso (come fu per la metopa
trovata l'anno scorso e pubblicata dal prof. Patricolo
nei nostri Monumenti antichi, voi. I, punt. 2a, p. 246),
può fare incontrare un pezzo scolpito o iscritto.

E il caso ci è stato oltremodo propizio sin dal
principio degli scavi. Perchè, approvatesi dall'E. V.
le mie proposte, il 30 gennaio, con l'assistenza del
sig. Michele Gioffrè, si diede mano alle opere, tagliando

le boscaglie e collocando la ferrovia Decauville ; c
ai 10 di questo mese venne fatta la scoperta impor-
tantissima, della quale mi onoro ragguagliare l'È. V.
col presente rapporto.

Il lavoro dello scavo è diretto a sgombrare le
terre nel lato esterno orientale del tratto delle forti-
ficazioni, che stanno fra 1' acropoli e quella torre se-
micircolare, che le migliori guide si ostinano ancora
a chiamare teatro (').

Un'idea esatta della località potrà aversi leggendo
la relazione, che io ed il prof. Patricolo scrivemmo
intorno ai lavori fatti in Selinunte negli anni 1885-87,
la quale fu edita nelle Notizie degli scavi del 1888,
pag. 593-605. La piccola pianta che accompagna
questa relazione (ibid. tav. XX, fig. 1), rilevata dal
mio collega per mostrare lo stato degli scavi sino al
10 maggio 1886, sebbene non comprenda quanto si
è posteriormente scoperto, pure mostra benissimo il
muro che lega la fronte settentrionale dell'acropoli
con la torre semicircolare. Ora parallelamente a quel
muro se ne è trovato un altro, malamente messo in-
sieme con pezzi antichi, fra i quali, il giorno 10
del corrente febbraio, fra i massi rovesciati si rin-
vennero, a pochi metri dall'angolo sud-est della torre

(') Così, p. es., nella guida del Badeker e in quella, del
resto pregevolissima, dello Gsell-Fels, Unter Italien uni Sìci-
lien 3a ed. Leipzig 1889, pp. 719-720, 732.
loading ...