Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 1.1889

Page: 965
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1889/0548
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
VENERE IN BRONZO

DELLA COLLEZIONE TYSZKIEWICZ

(Con due tavole)

La statuetta di bronzo che la ben nota
liberalità del possessore ci ha concesso di
riprodurre nelle due tavole aggiunte, da
poco tempo fa parte di quella insigne rac-
colta di cose d'arte riunite con isquisito
gusto dal sig. conte M. Tyszkiewicz. Se-
condo le informazioni avute, essa prover-
rebbe dalla Grecia ; sul luogo preciso della
scoperta nulla, al solito, si è potuto sapere.

La figura la quale, senza la base che
ha 0,048™ d'altezza, misura 0,263m, è di
eccellente conservazione. Esistono anche,
quantunque staccate, le braccia dagli omeri
in giù; le quali però non si sono potute
riattaccare alla figura in modo da essere ri-
prodotte nelle fotografie che servirono di
base alle nostre tavole ; per cui è accom-
pagnata a queste righe la vignetta che esi-
bisce la figura nel suo stato intiero. Le
braccia furono fuse a parte, secondo in-
dica la linea della rottura che è netta e
precisa da per tutto, tranne in alcuni punti,
dove in seguito alla, tenacità della saldatura alcuno
schegge delle braccia sono rimaste unite all'omero.
Del resto la figura è tutta di un getto. Alla base
rotonda essa è unita con saldatura: notasi bensì sulla
superficie orizzontale dello zoccolo sotto il piede

destro un foro, a cui però, per quanto si
può vedere, nella pianta del piede stesso
non corrisponde nè un altro foro nò l'avanzo
di un perno.

La patina bellissima della statuetta
soltanto in alcune parti ha subito leggere
alterazioni dal contatto che la figura deve
aver avuto con qualche oggetto di ferro.
Esistono piccole macchie di ruggine fer-
ruginea sulla guancia destra, sulla parte
maggiore del riccio che scende sulla spalla
destra, e nel mezzo del petto, vicino al
collo. Una massa più grande d'ossido si è
attaccata ai capelli sopra la fronte, na-
scondendo così la parte anteriore dell'ac-
conciatura.

Se i suddetti piccoli difetti appena
possono scemare il merito della conserva-
zione della statuetta che altrimenti si di-
rebbe perfetta, vi ha in compenso un par-
ticolare che, per quanto sia frequente nelle
grandi sculture e specie nelle opere in
marmo, non lo è altrettanto nei piccoli bronzi, e che
quindi dà un interesse speciale alla figura nostra.
Dico gli orecchini conservati nei lobuli a ciò bucati ;
essi consistono di un filo finissimo d'oro, il quale alla
sua estremità inferiore termina in un bottoncino che
loading ...