L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 21.1918

Page: 116
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1918/0142
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
n6

ALDO FORATTI

* * *

La coppia sopra Gioele [con questa comincia
l'ordine di composizione (fig. 3)] è la più tran-
quilla e la più simmetrica. Le due figure non seg-
gono comodamente, ma cercano un punto d'ap-
poggio alla propria instabilità. "11 carattere è leg-
giadramente malinconico, e la mossa comune ri-

Fi!». 3 — Michelangelo" Ignudi sopra Gioele.

chiamò il rilievo del Palazzo .Riccardi col Ratio
del Palladio; 1 il discutibile richiamo permise ad
altri di trovare l'esempio antico nell'Apollo di
una gemma viennese,- ma il riferimento non con-
vince; 3 e noi ci limitiamo a considerare ne' due
ignudi l'ideale della forza in un riposo apparente,
poiché i due compagni non sono nè vinti nè vinci-
tori. Il braccio che preme la mano sul sedile ram-

Fig. 4 — Michelangelo: Ignudi sopra la Sibilla Delfica.

menta la terza figura seduta (da destra a sinistra)
del chiaroscuro di Holkham Hall.

1 Steinmann, op. cit., IT, pag. 244-45. Per il rilievo, da
noi attribuito a Maso di Bartolomeo, cfr. L'Arte, XX, (1917),
pag. 23-25. Al richiamo del Wickhoke, seguito dallo Stein-
mann, si oppone ragionevolmente il Thode (op. cit., I,
pag. 422).

2 A. Grunwald, Ueber einige Wcrke Michelangelos im
ihren Verhàltnisse zur Antike, in Jahrb. d. hunsthist. Samml.
d. allcrhochsten Kaiserhauscs, XXVII (1907-1009), pag. 133-34-

3 Vedasi la recensione di G. Gronau, in Rcpertorìum fiir
Kunstwissenschaft, XXXIII (1910), pag. 173-

Ne' bellissimi corpi Michelangelo esaurisce le
risorse del suo stile, ma chiamar giubilo od esul-
tanza l'elegia degl'istinti e delle passioni, che
sgorga dalla lotta impegnata col destino, onde
sembra che questi esseri, come i peccatori dante-
schi, guardino all'avvenire ignorando il passato;
e parlare di ebbrezza e di rumori scomposti, in
una ipotetica trasformazione e riduzione anato-
mica del Laocoonte, è un errore critico.1

De' due giovani sopra la Sibilla Delfica (fig. 4)
quello a sinistra è quasi perduto: rimane la testa
ed un pezzo delle gambe; 2 gli occhi aperti guar-

Fig. 5 - Michelangelo: TI nudo a destra della Sibilla Delfica
reintegrato secondo due incisioni.

dano innanzi, malinconici ed indifferenti. Secondo
due infedeli incisioni di questo nudo 3 [che noi

1 F. Knapp, Michelangelo, des Meisters Werke, Stuttgart
und Leipzig, 1906, pag. XXVIII.

2 Uno scoppio di polvere, avvenuto a Castel S. Angelo
nel 1798, fece cadere un buon pezzo d'affresco, e causò pro-
babilmente parecchie screpolature nel soffitto; ce ne danno
notizia R. DurrA e Ouatremere de Ouincry (The lives and
works of Michael-Angelo and Raphael, London, 1871, pag. 171).

3 Due copie delle incisioni di Adamo Ghisi e di Cheru-
bino Alberti, riprodotte mediocremente dallo Steinmann,
si conservano nel Gabinetto delle stampe nella Galleria degli
Uffizi a Firenze. Per il modo impreciso col quale il Ghisi
copia i dipinti, si osservi il Giona della tav. 33 (Michael j An-
gelus \ Bonarotus \ Pinxit \ Adam \ Sculptor \ Mantuanus
Incidit). Il nudo a sinistra della Sib. Delfica è alla tav. 10.
loading ...