L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 26.1923

Page: 115
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1923/0137
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
UN DIPINTO SCONOSCIUTO DI GIOVANNI LYS

Le opere uscite dal pennello di G. Lys rappre- a Berlino, il Battista di Firenze, il S. Pietro che re-
sentano in preponderanza soggetti profani, tolti suscita la Tabita a Fano. Ma anche questi, più ri-
o dalla vita dei suoi giorni o dalla mitologia. Pre- volti verso una rappresentazione virtualmente este-

Fig. i. — Giovanni Lys: Cristo nell'Orto.
Trieste, Coli. Berlam.

ponderanza elettiva che concorda esattamente con

10 spirito e il temperamento del pittore, chè le scene
delle osterie, dei soldati, dei beoni, delle cortigiane,

11 Lys, oltre a dipingerle, le visse intensamente — a
quanto ci racconta il Sandrart — nella sua esi-
stenza irregolare e irrequieta.

Di fronte a questi, i temi sacri sono in minoranza
assoluta. Poche scene dell'antico testamento, che
si possano dir veramente sacre, come il sacrificio
d'Abramo, la decapitazione del Battista. E di temi
religiosi propriamente, soltanto: Le visioni di S. Ge-
rolamo a Venezia e a Vicenza, quella di S. Paolo

tica, che rispondenti a vera commozione religiosa
interiore.

Tanto più interessante, in questo riguardo tema-
tico, è il quadro che qui presentiamo, e che si con-
serva presso l'Arch. Arduino Berlam di Trieste:
Cristo nell'Orto (fig. i). Proviene da Venezia, dove
fu acquistato circa 30 anni fa. Di piccole dimen-
sioni (A. cm. 27, L. cm. 21) è dipinto ad olio su una
sottile lastra di rame e si conserva abbastanza
bene, salvo piccole screpolature. In fondo a si-
nistra è firmato.

La data non è integra, vi si legge esattamente
loading ...