L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 26.1923

Page: 275
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1923/0299
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
DA UN VIAGGIO A LONDRA

275

valore dell'arte del Montagna consiste nell'espressione dell'energia: nessuna opera di
Antonello ha potuto servire di modello all'energia del Montagna più del quadro Agnew.

E noto che Alvise Vivarini, il quale seguiva suo zio Bartolomeo, mostrò di essersi
rinnovato con l'assimilazione dei principi stilistici di Antonello nel quadro della Gal-
leria di Venezia datato 1480. Anche Alvise Vivarini non amò il criterio centrifugo; tut-
tavia il suo quadro del 1480 palesa due punti di contatto con il quadro Agnew: l'uno
è la proporzione del Bambino di fronte alla Madre, e l'altro è la mano destra della
Madonna scolpita nel legno proprio come la mano sinistra della Madonna Agnew.

Infine la Madonna Agnew, con la sua energia accentuata verso l'eccesso, ci spiega
un capolavoro di Giovanni Bellini, creato proprio nel primo momento dell'influsso anto-

Pig. 8. — Composizione belliniana : Sarra Famiglia.
Urbino, Galleria.

nellesco: la pala di Pesaro. Riusciva difficile a spiegare come il fine, il delicato Bellini
avesse potuto eseguire quella Pietà che sormontava la pala di Pesaro e che ora si trova
nella Galleria Vaticana, tanto essa è energica e violenta; anzi per molto tempo, com'è
noto, le si è negata la paternità belliniana. Ebbene quella energia, quella violenza,
assai più formale che sentimentale, è antonellismo. E forse, nella mano di Nicodemo
che reca il bicchiere, è un ricordo diretto della mano sinistra della Madonna Agnew.

Altri riscontri potremmo trovare. Quelli citati sinora possono bastare per dimo-
strare che nel decennio tra il 1480 e il 1400 la pittura veneziana, per mezzo dei mae-
stri che più direttamente sono stati influiti da Antonello, ci offre ripetutamente l'eco
di quello stile antoncllcsco rivelatoci dalla Madonna Agnew. La composizione, le pro-
porzioni, il drappo, la tenda, la mano legnosa, l'espressione esasperata di energia: tutto
ciò appare a Venezia tra l'8o e il '90. Chi può aver messo di moda tutto ciò? Giambel-
lino, no, perchè l'espressione di energia è per lui un'eccezione, e la composizione centri-
fuga non è intesa da lui. Poco prima del 1480, un motivo di tanta importanza pel
gusto veneziano, se non da Giambellino, doveva essere stato inventato da Antonello.

Secondo le precedenti considerazioni, il quadro Agnew ha carattere siciliano e
antonellesco, e molti elementi che lo compongono sono stati largamente sfruttati dagli
imitatori veneziani di Antonello tra il 1480 e il 1490. Elementi di fatto che si op-
loading ...