Bullettino archeologico Napoletano — N.S.5.1856-1857

Page: i
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1856_1857/0231
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
— 175 —

cordato la statua argomento di un epigramma del- di argento, valesse in seguito ad indicare una moneta

l'antologia (I, IV, 12, 66 p. 333; t. II p. 441 ed. di rame corrispondente al sesterzio.

Ultraj. 1797), si ferma a discorrere di una statua A dimostrar sempre più la giustezza della sua in-

già pubblicata dal Winckelmann , il quale ne riferì terpretazione , il principe di S. Giorgio nota i punti

appunto il soggetto ad Ercole poppante ( mon. ined. di coincidenza ed il rapporto , eh' ebber fra loro il

part. 1 c. 3 n. 1. Vedi Opere tom. IV p. 370 ed. sistema siculo ed il romano.

di Prato: cf. Storia dell' arte lib. V cap, 1 § 3: opere Comincia dall' osservare che in origine il nummo,

t. II pag. 296 ed. di Prato). L' a. difende il senli- l'obolo espressero in moneta la litra effettiva di ra-

mento del prussiano arcbeologo contro le osserva- me. Posteriormente, cresciuto il valore di questo me-

zioni del sommo Visconti: di cui peraltro ritiene la tallo, bisognò distinguere la litra ponderale dalla mo-

spiegazione di alcune medaglie di romane imperatri- notale, la prima divisa sempre in dodici once, la se-

ci, che questo insigne scrittore interpretò per Vul- conda in dieci once ; essendo calco ed oncia addive-

cano in fasce fralle braccia di Giunone , comparan- nuti la medesima cosa.

do un classico luogo di Ovidio (faslor. lib. V. v. 251 Nel sistema monetale romano comincia ad usarsi

segg. ). il rame. L'asse è l'intero monetale , che pur si di-

9. Investigazione del significalo della N che trovasi vide in dodici parti, ovvero once. Esso fu fatto del

sulle moìicte di bronzo di gran modulo di Tiali e di peso di una libbra effettiva , e conseguentemente as

Venosa: del Principe di S. Giorgio, pag. 343 — 354. e libra divennero vocaboli esprimenti uno stesso iden-

Le monete , alle quali si riferisce la presente ri- lieo valore. E qui posteriormente la stessa varietà tra

cerca, sono quelle che veggonsi ora pubblicale nelle la libbra monetale e la ponderale , per le vicende di

tavole del Carelli Tiali tab. LXXXVII n. 2, Venosa valore subite dal metallo. Segue la introduzione del-

tab. LXXX1X n. 1, 3,4 edit. Lipsiae. Ed il eh. au- 1' argento, il rapporto tra questo ed il rame : prima

lore avverle che la medesima idea era venuta in mente unilà monetale neh' argento il denario, colle divisioni

al Cavedoni ed al Mommsen neh' anno 1850 , vai del quinario, e del sesterzio. Si E

dire quasi conlemporaueamente alla sua lettura ac- minale della moneta di argento E m

cademica seguila nel 27 Novembre del 1849. quinario 8, il sesterzio 4 assi si E

L' a. osservando che Tiali e Venosa ebbero usanza Mettendo in rapporto di anal E"^ rVilv>

di porre sulle loro monete un seguo di valore , ne greco e romano, si troverà che E~

deduce che la N messa sulle monete di grande ino- quatlro nummi, era eguale aldeE",-

dulo sia pur destinata ad indicarne il valore ; tanto e sesterzio rappresentavano vale E

più che quella lederà vedesi seguita da un I o da due comprendeva dieci quadranti , E"0

lì; e sempre in ultimo un punto , quando la N è se- Divenuto di rame il nummo non

guita da due li. Osserva pure che, avuto riguardo sterzio.che proseguiva ad essere < E-

alla massa comparativa, e tenuto conto delle vi- quarta parte,cioè all'asse.Divento E-21 w

cende di minorazioni , alle quali va sempre soggetta di rame, divennero ambidue nuc E- "q

la moneta nel trascorrer degli anni , possa ritenersi e divisibili in parti reali di rame =-2?

che le cifre numeriche I e II sieno messe appunlo sue once, il sesterzio ne' suoi q E. ^

per dinotare il rapporto del semplice al doppio. Da di Tiati e di Venosa, dice Fa., q

queste considerazioni l'a. si apre la via a proporre po che il nummo e l'asse erano =_ ^

la sua spiegazione di quella sigla , ch'egli ritiene co- rappresentavano il rispettivo in -

me iniziale della parola Nummus. Passa poi a dimo- litra, e la libbra. Osserva l'a. coij

strare, come fatta ragione delle varie divisioni mone- che la litra monetale divisa in <

tali, il nummus originariamente riferibile a moneta dalle città eh' erano sull' Adria! E_ (J)

0

E- o

p o

I o
loading ...