Bullettino archeologico Napoletano — N.S.6.1857-1858

Page: 169
DOI issue: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1857_1858/0177
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
BULLETTINO ARCHEOLOGICO NAPOLITANO.

NUOVA SERIE

TV.0 146. (22. dell' anno VI.) Luglio 1858.

Descrizione della Casa della del Poeta Tragico in Pompei. Continuazione del n. 444. — Della meravigliosa
spelonca Romana tra V antica cillà di Cuma e il lago Aoemo.

Descrizione della casa delta del Poeta Tragico in
Pompei. Continuazione del n. 144.

Nella porzione superiore bianca sono riquadri di
vaili colori, con festoni, alcuni pendenti da dischi ;
due come candelabri con serpenti ebe vi si avvitic-
chiano, ed alcuni piccoli quadretti rettangolari di frut-
ta. Nella parete, ch'è a destra, capricciose colonne che
sostengono una trabeazione costituiscono la zoua di
mezzo : ed in questa è un grazioso quadretto di Ve-
nere pescatrice in compagnia di un alato Amore ; e
fra essi sono nelle sottoposte onde tre pesci. Nelle due
zone laterali sono pure due ghirlande, entro le quali
due Amorini con verde clamide: è tuttavia visibile il
tirso tenuto da uno di essi. Nella parte superiore è ca-
pricciosa architettura, con festoni che si estendono
pel campo, da'cui estremi pendono, come sembra ,
due dischi o cimbali ed un corno potorio. Vedi pure
due augelli, e nel mezzo un pavone colla occhiuta
coda spiegata. Sulla trabeazione media è un cavallo
marino fra due delfini: sulla sommità di altre trabea-
zioni è all'estremo per ornamento un delfino. Questa
parete fu pubblicata dal Raoul-Rochette ( maison du
po'éle lav. 9); ma non poche particolarità sono inesat-
tamente ritratte. La parete a sinistra è perfettamente
identica a quella , che 1' è di rimpetto. Le due ghir-
lande ci offrono pure due Amorini, con verdeggianti
clamidi, uno de' quali meglio conservato presenta
i simboli della cassetta e del flabello. 11 quadretto di
mezzo rappresenta Arianna seduta al suolo e seminuda,
con rosso panno, che ne ricopre le cosce e le gambe.
Essa poggia al mento la sinistra attentamente guar-
dando ove Amore le addita la nave dell'ingannatore
Anno vi.

Teseo, che si allontana. (È pubblicata nel Iieal Musco
Borbonico lom. II tav. XII, e riprodotta dal Zahn
I , 33). La parete, ov'è la entrata, ha simili ornali.
Uno degli Amorini collocali entro le ghirlande serba
tuttora il simbolo della duplice tibia. Nella parte su-
periore , simile in lutto al muro di rimpetto, mirasi
un augello sopra un ramo, ed in un rettangolare qua-
dretto un marino drago con un delfino: in due altri
quadretti sono due dischi pendenti da un laccio.

Seconda stanza a sinistra del peristilio. —• La so-
glia è di piperno, il pavimento è signino con bian-
che pietruzze ad ornamento. Lo zoccolo è nero
adorno di fiorile piante , con qualche augelletto. Le
pareti sono divise in due laterali zone di giallo ed
in una media dipinta di rosso: ed in esse si osservano
rotondi quadretti di paese, ora in gran parte svaniti,
pantere e caprii correnti. La parte superiore delle pa-
reti è hianca e sormontata da una semplice cornicetla
di stucco. Capricciose e svelte architetture, candela-
bri , ed altri eleganti ornali rendono soprammodo
pregevoli questi dipinti in fondo bianco. Osservansiin
essi bucrauii, maschere, talvolta coronate di foglie
e fiori, vasi (1) pendenti da nastri, delfini, e princi-
palmente un' alata Sirena di fronte. Noterò ancora
una maschera coronata di foglie pendente ad un na-
stro sotto una specie di edicola, ed accoppiata ad un
piccolo tirso ; non che un pavone poggiante sopra di
un ramo. Alcuni vasi di bronzo e di terracotta, parte
inservienti alla cucina e parte agli usi della vita, mo-
strano che questo compreso era una specie di dispensa,

(1) Uno ha manico superiore V altro ha forma di cantìiaros.
Una di queste pareti e edila dal Raoul-Rochetle mais, du po'ile
lay. 8 ; e potrà aversene una idea.

22
loading ...