Bullettino archeologico Napoletano — N.S.7.1858-1859

Page: 25
DOI issue: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1858_1859/0035
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
BALLETTINO ARCHEOLOGICO NAPOLITANO.
NUOVA SERIE
N.° 154. (4. dell’anno VII.) Ottobre 1858.

Osservazioni sopra la recente opera del eh. commendatore B. de Koehne intorno alla Numismatica delle an
fiche colonie greche nella Russia meridionale e de regni del Ponto e del Bosforo Cimmerio.

Osservazioni sopra la recente opera del eh. commen-
datore B. de Koehne intorno alla Numismatica
delle antiche colonie greche nella Russia meridionale
e de' regni del Ponto e del Bosforo Cimmerio (1).
Allora eh’ io mi posi a scrivere la dichiarazione
di alcune monete antiche del Chersoneso Taurico,
inserite in questo Bullettino(anno III p. 25-31), se
avessi saputo che poca cosa sia quello che della nu-
mismatica delle indicale regioni si contiene nell’opera
del Mionnet e in altre in allora a me cognite, a con-
fronto del molto di più che se ne conserva ne’ dovi-
ziosi musei della Russia, e che ora ne presenta in-
sieme raccolto ed illustrato il eh. de Koehne; io non
avrei di certo ardito di porre in luce quel povero mio
lavoro. Il Mionnet, che pur si ripete sì di sovente ,
come avverte il eh. de Koehne, non ne diede de-
scritte che sole 230 monete delle città di quelle con-
trade ; e nella insigne opera sovra indicata or se ne
trovano descritte 610. Parimente, riguardo alle mo-
nete de’regni del Ponto e del Bosforo, il eh. de Koehne
ha più che raddoppiato il numero dei tipi e degli anni
dell’ era datone in prima dal medesimo Mionnet. E-
gli vi pose assiduo studio nel decorso di un decennio,
e col diligente riscontro de’ doviziosi musei pubblici
e privati di Pietroburgo, e d’ altre città, potè non
solo crescere di tanto il numero delle medaglie, ma
rettificare altresì le descrizioni e i disegni di moltis-
sime di quelle eh’ erano state in pria pubblicate. An-
cora col riscontro degli scrittori antichi, e delle molte
(1) Il titolo dell’indicata insigne opera , consistente di due
grandi volumi in forma di quarto corredati di XXVIII tavole, è
come segue; Bescription du Musèe de feu le Prince Basile
Kotschoubey d' après son catalogne manuscript, et rccherches
sur r histoire et la numismatique des colonie* grecqucs en Bus-
sie} ainsi que des Royaumes du Pont et du Bosphore Cimine-
rien, par B. de Koehne St. Pétcrsbcurg, 1857.
VII.

iscrizioni greche scopertesi a questi ultimi anni in
quelle regioni, diffuse bella luce sopra la storia di
quella città e delle diverse dinastie che v’ebbero do-
minio ab antico.
L opera e meritamente dedicata alla chiara me-
moria del principe Basilio Kotschoubey, morto nel
1850 nella fresca età d’anni 38, che avea raccolte
tante medaglie del Chersoneso Taurico e dei Re del
Bosforo, che la sua collezione riesci una delle più
insigni dopo l’imperiale di Pietroburgo. Quel ge-
neroso principe, che fin dal 1847 avea fatto incidere
in XX tavole a Parigi le più importanti fra le meda-
glie della sua raccolta, ne commise l’edizione e l’illu-
strazione al lodato eh. de Koehne, che unendole al
suo grande lavoro, incominciato fin dal 1845, vi
aggiungesse all’opportunità i disegni delle più impor-
tanti acquistate in appresso, e degli altri oggetti anti-
chi, segnatamente in terra cotta, che il principe avea
raccolti nella Crimea. L’opera venne stampata a
spese della principessa Elena, vedova del principe
Basilio, la quale, conforme al divisamento del bena-
mato suo consorte, non la pose in commercio , ma
ne destinò gli esemplari ai precipui fautori e cultori
della numismatica antica ed alle accademie scientifi-
che e letterarie della Russia, e straniere altresì. Io,
per benignità singolare della lodata principessa e del
eh. Commendatore de Koehne, fui messo a parte di
sì prezioso e nobile dono, che per altro mi giunse un
pò tardi, onde mi affretto a renderne loro in questi
fogli pubbliche e ben debite grazie (1).
Lunga e diffidi cosa sarebbe il dare ragguaglio di
questa insigne opera del dotto numografo di Pietro-
(1) Gli stessi ringraziamenti io deggio alla cortesia della princi-
pessa Elena e del eh. de Koehne, per lo splendido dono di un’o-
pera tanto importante.—L'Editore.
4
loading ...