Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma — 20.1892

Seite: 237
Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bcom1892/0257
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
77 Satiro che versa da bere

237

IL SATIRO CHE VERSA DA BERE
Studi prassitelici.

(Tav. XI-XII, XIII-XIV).
I.

La statua Indovina, la statua capitolina
e i frammenti vaticani.

Si conservano, disseminate ne' musei d'Europa, parecchie copie
di una statua di Satiro (*), la quale è singolarmente ragguar-
devole, sia che si consideri in rispetto alla mitologia artistica per
vedere il posto che le appartiene nello svolgimento de' tipi fau-
neschi, sia che si abbia l'occhio al processo storico della scultura
greca, e si voglia indagarne lo stile, determinarne l'età, ricono-
scerne l'autore. Per quanto il tipo statuario offerto da codesti
esemplari sia molto conosciuto, tuttavia gli esemplari stessi sono
in parte inediti, in parte divulgati con tali riproduzioni da non
potersene cavare che scarso profitto per lo studio critico de' mo-
numenti (2).

0) Questi esemplari trovansi registrati dallo Schreiber, Die antiken
Bildwerke der Villa Luiovisi, p. 93.

(2) Delle diciotto copie del Satiro registrate dallo Schreiber dieci sono
inedite, otto pubblicate. Lo Schreiber ne dà come edite soltante sei; ma
due altre, un torso e una testa, furono posteriormente alla compilazione del
catalogo dello Schreiber riprodotte con l'eliotipia da C. L. Visconti, I mo-
num. del Museo Torlonia, t. X, n. 37, e t. LXVrI, n. 260. Io dubito tut-
tavia che il torso non abbia che fare col tipo del nostro Satiro. Mancano
loading ...