L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 23.1920

Page: 107
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1920/0133
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
IL PASSAGGIO DI MATTIA PRETI A NAPOLI

che esprime la sua opera capitale, il meraviglioso soffitto della chiesa di S. Pietro a
Maiella, in cui la figura ha raggiunto il suo rilievo in una equilibrata gloria di luce. Una serie
di opere traducono fasi transitorie, tentativi di superamenti: l'affresco della cupola di
S. Domenico Soriano, con tendenza a schiarire le robuste tinte Pretiane; i Convili, in cui
la virtuosità coloristica s'effonde; e poi, ancora una sorpresa: bando al predominio del-
l'ombra che educe il rilievo, si lasci la luce signoreggiante: ed ecco creato un capolavoro,
il S. Nicola di Bari (fig. 9).

In questa tavola, dunque, è il trionfo della luce. Essa violentemente rischiara sino a
distruggere la corporeità del disegno. Dirò meglio: sugge^come in un gorgo luminoso

Fig. 7 — Mattia Preti : II Figliuol Prodigo. Napoli, Pinacoteca del Museo Nazionale.

quel volo sì da far pensare alla visione dantesca della propria immissione nel Paradiso
in un sempre più vivo attraimento di luce.

E il concetto è grandioso, sicché a ragione l'ardita tavola suscitò le alte meraviglie
degli intenditori, quando appena finita apparve come materiata di luce (e — si noti -
nel secolo detto dei tenebristi!) in una cappella buia di S. Domenico Soriano: tanta
suggestione era in quel sorgere delle forme dal fondo grigio al dilagare della luce pro-
rompente dall'alto; in quell'addensarsi dei corpi al suo richiamo! E quale grazia compo-
sitiva! mentre in tanta tenuità corporea viva pare la testa del Santo arrovesciata nel
volo, in un viluppo di testine, di piccoli corpi sparenti negli svolazzi delle vesti sacerdo-
tali, i tre angeletti col ginocchio,col petto e con la testa puntellano, sospingono quel volo.

Ma a parte la composizione vivacissima, sorprende lo scoprire una finezza estrema
nella coloritura, che subisce anch'essa, necessariamente, la violenza della luce, mostrando
i suoi bianchi abbacinanti, l'oro smorente in chiarità gialline, e il cupo viola dilavato
in lilla,
loading ...