Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: 153
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0195
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
le cui fi,
Presente

:iil

na

Ila porta
ustri fai).
Lalla ban^
Pietro, e
suo,ove
me qual-
le un-lar-
via, che
, la qual
, La via
>ve è l'ii'
iaci-Cassi"
, una co*
e, come
. La co-
azione di
e fra due
Irre cost
oi mosai-
,ricara da
iza delle
colon-

Libro Primo Capitolo XXIII. 153
colonne , e delle tavole di Porsido supera ogn'altra non solo
di Roma , ma d'ogni parte del Mondo . Poiché gli Altari
sono ornati di trenta colonne di Porfido , i paliotti son tut-
ti di tavole d' un solo pezzo parimente di Porfido : quella
dell'aitar maggiore è lunga palmi dodici , alta palmi tre »
ed once due , e le quattro colonne di Porfido son di circui-
to nove palmi , e mezzo , alte quasi trenta palmi , il cui
gran pregio può considerarsi da coloro , che han viaggiato
pel Mondo , i quali rimarranno anche maravigliati nell'os-
iervare le quaranta grolTe colonne , che sostengono la gran
nave, elTendo per lo più del tanto (limato pavonazzo, chi più,
e chi meno macchiate, scannellate3e d'ordine Corintio co'loro
capitelli conservatisslmi , le quali per antica tradizione furono
dalla mole Adriana qui fatte trasportare da Costantino Ma-
gno , e sono di circonserenza palmi quindici , e mezzo , che
co i capitelli han d'altezza più di cinquanta palmi .
Nelle navi minori sono altre quaranta colonne lisce di
marmo Parie , e la nave croce è ornata da otto grolle co-
lonne di granito Tebaide , e taluna di marmo Cipollino . Le
due colonne poi, che sostengono l'alto,e largo arco maggiore,
ornato d'istoriati mosaici col nome di Placidia Madre di Va-
lentiniano , sono lisce di marmo Saligno , la cui grana è co-
me il sale, ne si sa da quali remoti monti i Romani le sacesTer
tagliare ; e sono di circonferenza ventun palmo , e mezzo .
Forsè d'una colonna di tal sorte , che saceva del grande itre-
pito , e tumulto nel condursi per la Città , parla Tibullo *
ove dice :
£>mdlapis externus cura vjlì urbique tumultui Lib.z.E-
fortatur validis mille columna jugis . ug.6.v.2$.
Vedesi qui contigua una immensa base di forma quadra 3
la quale forsè una volta apparteneva ad alcuna di dette co-
lonne . Similmente nel Cortile del Monastero vi son colon-
ne di granitello bianco , e tralasciando le colonne del clau-
stro al numero di cento novanta, per eiTer piccofe , e di fattu-
ra barbara , come è il suo portico di forma quadra: anche
nel portico della facciata principale di quella maestosa Balìli-
ca vi son colonne , e soprail portico il rimanente della fac-
V eia-
loading ...