Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: 181
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0229
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
*° Co*k
?* \
che§nrer.
'me ^ T0r,
lol° sonosi,
;vere perde
assa Tottoil
gu°uo dea,
'PÌo » cioè
Trionfa]^
«o a Qiiat,
■ale è eadu,
-sser ilpii
a d'ogn'al*
ere quello,
almeme il
icio> der-
e ne tempi
:i d'Àgrip-
i fuori del-
>n fuori di \
ma moder-
rli antichi ;
ali in ogni
io pubbli*
Cittàì in
o fatti si
è di egual
:, ì qua'
capi-



Libro Primo Capitolo XXVÌÌI. 181
CAPITOLO XXVIIL
Della Porta del Popolo, sua <via Flaminia 3
e delle curiojìtà, che vi resiano.
Opo aver osservata la Porta , architettata dal Bernini
quanto al prospetto interno , e quanto all' esterno dal
Vignola, si trova a destra della via Flaminia la villa detta di Pa-
pa Giuiioda Giulio Iliache la nobilitò di non poche ratità an-
tiche,fra le quali si annoverano molte colonne del pregiato mar-
mo verde , ritrovate con un portico di bagno nelle salutevoli
acque Albule Tiburtine desericte eccellentemente dal Medico
Baccinel Tuo diseorso delle acque Abuie, e de'Bagni di Auguilo
pubblicato in Roma Tanno 1567. Oltre le predette colonne ,
li ammiravano in quella villa non poche (culture antiche tras.
portate anche a mio tempo in altri luoghi, e l'ultima rarità
insigne è siata il gran vaso di porfido di forma rotonda di spa-
ziosa larghezza , e di tale immensamole , che non vi è il li-
mile , il quale d'ordine del Sommo Pontefice Clemente XI.
fatto risarcire m alcune parti rotte , s'ammira presentemerttc
in Belvedere del Vaticano . Non ottante ciò è degna detta
villa di esser veduta per le altre rarità, che vi resiano .
A qualche spazio parimente a destra è un bel Tempietto
dedicato a S. Andrea Apostolo di buona architettura , fab-
bricato su le rovine d' antico mausoleo. E' gran danno , che
quésto mausoleo , e altri , che erano per questa via di qua , e
di là si a no (lati rovinati, ed abbattuti, il che ci priva di vede-
re l'antica magnificenza . Giovenale rimproverando i vizj de'
nobili del suo tempo , per non tirar sopra di sé l'odio de' me-
deiìmi termina la sua satira prima col fingere di parlar co'mor-
ti seppelliti nella via Flaminia , e nella Latina , dicendo :
..... Efperlar , quid concedatur in illos, &atfc 1 •
Quorum Flaminia tegitur cìnis , atquc Latina . ^.170.
Dopoil ponte Molle > lasciandosi a simitra la via Clau-
dia 3 e Cassia 3 si proseguisee a destra non diitante dal Tevere;
etra-
loading ...