Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: II_043
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0295
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Libro Secondo Capitolo VII.

43


CAPITOL O VIL
D'alcuni Palazzi principali*, e
delle rarità 3 che mi fono.
IL gran palazzo Farnese per l'architettura 5 e xiiaellà è uno
de 'migliori, Il curioso pellegrinante entrato nella piaz-
za getta talmente l'occhio alla facciata di detto palazzo 3 che
poco o nulla olTerva le gran conche di granito Tebaide , che
gli Antichi adoprayano per soagaarvi.si , ora adattate alle due
fontane * Mostrano queste sole la magnificenza de'Romani *
Hanno scolpite nelle facciate le teste di leoni3e sono di forma
ovale 5 lunga ciaseuna più di venticinque palmi 5 fonde pai.6»
Tuna . La facciata ài quello palazzo è architettura grandiosa
del Sangallo , e il cornicione del Bonarroti . Il suo ingrelTo è
ornato di grolle colonne di granitogli cortile quadro,inrornia-
to da portici j e ne1 fregi ha eccellenti lavori, tutto opera del-
lo stelso Bonarroti. Fra le fiat uè è ammirabile quella ài Erco-
le col nome Greco di Glicone 5 come pure la Itatua di Flora.
A pie d'altro Ercole di maniera Latina -è la grand'urna ritro-
vata nel Mausoleo di Cecilia Metella della via Appia . Nel
secondo portico disegno di Giacomo della Porta,oltre le sìa-
tue più del naturale di Filippo Juniore 5 e di donna ignota ,
nelle nicchie sono le due tede quasi colossali di Vespasiano ,
ed Antonino Pio. L'insigne 3 e celebre monumento della Dir-
ce 3 legata per li capelli alle corna di un toro da Zeto , e Am-
fione, gruppo di scultura , del quale non vi è il limile in gran-
dezza , si ritrovò nelle Terme di Caracalla , e si crede elTere
il medeiìmo , che deserive Plinio co i nomi delli sruitori ; ma
che lìa tutto il contrario, l'avvertii al cap.20. della mia lette-
ra delle Angolarità di Roma al Cavalier Bernard Inglese , che
poi il Salvioni diede alle itampe ; bene ognuno può vedere ,
che quello illustre marmo è affatto diverto da quel > che rife-
rire Plinio. Poiché quelìo Autore deserive soiamente quat-
tro figure j cioè Zeto ? Ambone , Dirce , e il toro 9 giustp
F 2 come
loading ...