Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: II_077
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0330
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Libro Secondo Capitolo X. yj
Una tal usanza si vede conservata ne'noslri tempi , poiché in
alcune Città costumasì , come mi ha con lettere assìcurato il
Dottissimo D. Ignazio Maria Como nobile Napoletano , in
ispecie di due luoghi della Diocesi diGerace, uno detto
Cmsilo 5 e l'altro Agnara , ove coslumasi di piangere i morti
mediante una vecchia , detta Repetitrice, perchè ripete dalla
nascita tìn alla morte le azioni ,, e i buoni coilumi del de-
fonto ; le quali Iodi con Tuono lamentevole commovono
talmente i parenti a piangere, che le donne specialmente get-
tandoli colle braccia sui morto I'aspergono delle loro lagri-
me , e de'capelli tagliatisi . Il di più vedali nel!'opera di
Girolamo BaruHàldi de Praficts .
Ora , che con brevità possìbile ho parlato di quelle ra-
rità da me credute più particolari dell'antica,, e moderna
Roma, resta. a parlare della sontana dell'acqua Vergine detta
di Trevi,e per olTèrvare la prometta, nel favellare,che feci del
suo acquedotto . Dico che queslo fu fatto fare da 3YLAgrippa,,
a villa del monte sàgro ,. e il re/tante sòtterraneo y e solo an-
ticamente, come adesso y vedevasi poco avanti, che giu-
gnesse a sboccar l'acqua . Ed essendo slato da tanti secoli ira
qua la gran bocca alla radica , e senza verun ornamento , vi
è siata fatta una sacciata cominciata dalla S. Mr di Clemen-
te XIL e terminata sottogli auspicj del Sommo Pontefice Be-
nedettoXIV. eiTendone (lato l'architetto Nicola Salvi Ro-
mano . E fu di (coverta al publico nel mese di Luglio dell'an-
sia corrente con applauso degli intendenti »

Fine del Secondo Libro»
loading ...