Universitätsbibliothek HeidelbergUniversitätsbibliothek Heidelberg
Metadaten

L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 19.1916

DOI issue:
Fasc. 2
DOI article:
Muñoz, Antonio: Studi sul Bernini
DOI Page / Citation link: 
https://doi.org/10.11588/diglit.17336#0145

DWork-Logo
Overview
loading ...
Facsimile
0.5
1 cm
facsimile
Scroll
OCR fulltext
STUDI SUL BERNINI

Dopo il volume del Fraschetti, così ricco di notizie e di documenti sulla vita e le opere
di Gianlorenzo Bernini, molti studiosi hanno portato nuovi preziosi contributi allo
studio del grande artista. Particolarmente importanti sono le ricerche di Marcel Reymond
(lo studioso di cui piangiamo la recente perdita), le quali hanno illustrato assai bene l'atti-
vità del Bernini durante la sua breve dimora a Parigi, e l'influsso potentissimo esercitato
dal nostro maestro smT arte francese. 1 II bel comento del Riegl alla vita del Baldinucci,2
se non porta nuova luce di notizie, e non fa conoscere opere nuove, contiene osservazioni
acutissime e analisi profonde.

Il presente studio è rivolto ad illustrare alcune opere ignote o poco note che appar-
tengono al periodo giovanile del maestro, al quale già dedicai altre ricerche;3 e invero
l'attività del Bernini nel pontificato di Paolo V, e dopo, fino al 1630, è ancora poco co-
nosciuta.

* * *

I BUSTI DI PAPA PAOLO V.

Il Baldinucci nell'elenco delle opere del Bernini che fa seguire alla sua bella biografia
del maestro, tra le statue di marmo, ne cita una rappresentante Paolo V, nella chiesa del
Gesù. Parrebbe dovesse trattarsi di un simulacro dell'intera figura del Papa; ma il Bal-
dinucci pone nello stesso elenco delle statue i busti del Cardinal Bellarmino, quello del
medico Fonseca e quello del Cardinal Cornaro, come tra le statue di metallo pone il busto
del Richelieu, e chiama una volta anche statua il piccolo busto di monsignor Montoya.
Di una statua di Paolo V non fanno menzione riè le memorie della chiesa del Gesù, nò
le antiche Guide; la tradizione, raccolta anche dal Fraschetti4 ci dice invece che un busto
del Papa, di dimensioni maggiori di quello oggi nel casino della Villa Borghese, esisteva
nella chiesa del Gesù, e fu trasportato al Museo Borghese, e poi venduto all'estero ai nostri
giorni. L'importanza di un ritratto del Bernini, del suo periodo giovanile, è tale che non
ho voluto accontentarmi di quella notizia, e compiute ricerche in proposito sono riuscito
ad assodare che un busto di Paolo V fu venduto nel marzo 1893 nella vendita all'asta
di marmi antichi e oggetti d'arte provenienti dalla eredità dei principi Borghese, nella
villa stessa, al padiglione dell'Orologio. Nel catalogo che fu allora pubblicato 5 il busto

1 M. Reymond, L'autel du Val-de-Gràce, et
les ouvrages du Bernin en France, Gazette des
Beaux-Arts, 1911; Autels berninesques en France,
ivi, 1912; Une Madone du Bernin à Paris, ivi, 1913;
Les sculptures du Bernin à Bordeaux, Revue de
l'art ancien et moderne, 1913; he Bernin, Paris,
1910 (nella collezione Les mailres de l'art).

2 Filippo Baldinucci 's Vita des Gio. Lorenzo
Bernini, mit Uebersetzung und Kommentar von
Alois Riegl, Wien, 1912.

3 A. Munoz, Pietro Bernini, in Vita d'Arte,

1909; Un'opera del Bernini ritrovata. Vita d'Arte,
1911; 77 gruppo di Apollo e Dafne, e la collabora-
zione di Giuliano Finelli col Bernini, Vita d'Arte,

4 S. Fraschetti, 77 Bernini, Milano, 1900,

pag. 18.

5 Catalogne des marbres antiques et des objets
d'art formant le Musée du Pavillon de l'horloge à
la Villa Borghese à Rome, provenant de l'héritage
des princes Borghese, Rome, 1893. La vendita fu
fatta dall'antiquario Giacomini.
 
Annotationen