L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 23.1920

Page: 222
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1920/0248
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
222

LINA MONTA LIO

dano nella pinacoteca del Museo Nazionale, con ligure virili dormienti dalle membra
vigorose piegate e lumeggiate alla maniera del Preti; e arguzie di tondi visi, fissità di
sgranati occhi neri, slanci di angelici voli ricordanti Mattia Preti qua e là apparenti nella
intensissima produzione giordanesca.

Ma quel che maggiormente risulterebbe da un esame comparativo dell'opera di due
artisti così sostanzialmente diversi è — come dicevo — la libera assunzione in Luca Gior-
dano dei migliori motivi compositivi del Preti: il Cristo mostrato al popolo da una loggia,
di Luca Giordano, tela tuttora esistente a Castel di Sangro, ricorda il bellissimo Cristo

Fi,n\ 27 — Mattia Preti : La consegna delle chiavi. Napoli, Collezione Ferrara (Fot. del Museo Nazionale).

mostrato al popolo dal balcone di Pilato ora nel Museo di Chantilly, che fu in altro tempo
nel Museo di Napoli, come ricorda un'antica guida francese.1

Ma l'unico, il vero scolaro di Mattia Preti a Napoli sarà, sugli albori del nuovo secolo,
Francesco Solimena, diffonditore, con la sua scuola, dell'eroica forza del Cavalier Cala-
brese. Il Solimena è talmente imbevuto dèi disegno del Preti che le sue figure giacenti,
i suoi angioloni scalanti le nubi, le robuste Vergini in gloria sono tutte creature pretiane
nel piegar ad angolo delle membra, nell'arrovesciar delle teste, nel fiammeggiar dei
capelli come soffiati dal vento.

E c'è di più: l'imitazione del colore, dei nitidi, violenti e armoniosissimi colori del
Preti, che tuttavia nell'arte del Solimena divengono dilavati, specialmente negli affreschi,
in cui pur piacciono quelle acquose trasparenze del verde, quel blù cilestrino, e quel rosso
di fiamma.

1 È descritta cosi: « Notre Seigneur couronné yale le Prince de Palerme, placée dans deux salles

d'épines est moutré an peuple du balcon de Pi- supérieurs du Musée Royal Borbon, par Stanislao

late», toile haut. 8, larg. 8-9: Guide pour la pre- Aloe, secretaire du Mnsée, ecc., Naples, tipographie

citiise collection des tableau* de son Allesse Ro- de Virgille, 1842.
loading ...