L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 23.1920

Page: 238
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1920/0264
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
LODOVICO FRATI

figlio Jacopo dovevano essere eredi usufruttuarii ciascuno della metà del suo patrimonio.
Proprietario della sua eredità nominava Jacopo, e, se fosse morto senza figli, doveva suc-
cedergli la madre, purché non si rimaritasse; nel qual caso, se Jacopo fosse ancora vivo,
perdeva il diritto all'usufrutto, se fosse morto, gli succedeva nell'eredità; ma non
poteva disporre a favore dei figli avuti in seconde nozze, o dei parenti del secondo marito.
Se Francesca pure fosse morta, doveva succederle quale erede Bartolomeo, fratello di An
drea da Formigine, ed in mancanza pure di questo l'eredità di Andrea passava al Monte
di Pietà. Il terzo ed ultimo testamento del i° settembre 1546 forse fu rogato dopo la
morte della moglie, poiché di questa non vi é più fatto celino alcuno, e Jacopo è nominato
erede universale, annullando tutti i precedenti testamenti. Andrea Marchesi da Formigine
venne a morte, come dissi, il 26 giugno 1559, e fu sepolto nella chiesa di s. Francesco.

Lodovico Frati.

TESTAMENTI DI ANDREA MARCHESI DA FORMIGINE

I.

Testamentum Magistri Andree de Formigine.
(11 maggio 1546).

1546. Indictione quarta, die vero undecima mensis Maii, tempore domini Pauli pape III.

Cimi nihil sit certius morte et nihil incertius hora mortis, quod diligenter considerans
egregius vir Mag. Andreas quond Petri de Marchesiis de Formigine ingegnerius et habitator Bo-
nonie, in cappella s. Marini, sanus per Dei gratiam mente, sensu, intellectu et corpore, nollens
intestatus decedere; sed dum sibi adest debita et solita mentis cognitio et integritas, saluti
anime sue et dispositioni honorum suorum temporalium providere vollcns, presens suum nun-
cuparivum, sine scriptis fecit et tacere procuravit testamentum in hunc modum et formam,
videlcet:

Quia in primis animam suam humiliter reccomendavit altissimo domino nostro Jhesu
Christo, veniam petens ab eo de omnibus peccatis per eum commissis presenti seculo.

Item prò anima sua et illius refrigerio reliquit eius capellano, qui tempore mortis ipsius
testatoris fuerit in dieta capella s. Marini unum cereum precii solidorum triginta bononinorum
monete currentis, prò illuminando corpus domini nostri Jhesu Christi in dieta eius capella.

Item idem testator voluit, disposuit et mandavit et ordinavit quod infrascriptus Iacobus,
filius et heres ipsius testatoris, solvere et dispensare debeat scutos decem auri prò anima ipsius
testatoris, in et prò faciendo cellebrari missas s. Gregorii et alia divina officia, et in faciendo
elemosinas prò anima ipsius testatoris, et distribuendo et dando medietatem dictorum scutorum
decem fratribns s. Martini de Apposa de Bonomìa, prò cellebrandis missis et aliis officiis
divinis.

Item jure legati et institutionis ac alias omni meliori modo fieri potuit reliquit d. Francisce
quondam Io. de Pelizariis de Mutina ipsius testatoris uxori dotes suas que fuerunt et sunt in
quantitate librarnm trecentorum bononinorum monete currentis, quas pecunias ipse testator
habuit et habuisse confessus fuit prò dote diete d. Francisce eius uxoris.

Item etiam dictus testator jure legati et institutionis reliquit diete d. Francisce eius uxori
omnes suas vestes, pannos lineos et laneos et cuiuscumque qualitatis et vellos ac jocalia, quas
et que ipsa domina Francisca habet et in futurum habebit penes se et maxime tempore mortis
ipsius testatoris.

In omnibus autem aliis suis bonis mobilibus et immobilibus, juribus et actionibus, tam
presentibus quam futnris suos heredes usufructuarios instituit, reliquit et nominavit et esse
loading ...