L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 23.1920

Page: 276
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1920/0302
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
276

GUIDO ZUCCHINI

Questo marchese 'lanari, figlio di Alessandro, che Prima dell'Oretti, il pittore M. A. Chiarini
abbiamo veduto acquistare l'antica statuetta di (1652-1710?) aveva preso nota delle copie del
marmo, fu uomo di alte qualità e coprì importanti Costa, ma il suo manoscritto è ora perduto.1 Forse
cariche pubbliche, ottenendo da Paolo V il titolo Lorenzo Costa mantovano (1517-1583), giacché
di senatore e da Urbano Vili quello di marchese. non può trattarsi del ferrarese, ebbe l'incarico
Mortagli la moglie, Lucrezia Ghisilieri, si fece di fare le copie degli affreschi, quando il Marche-
prete dell'Oratorio e morì in età assai tarda.1 sini ne ordinò il rifacimento?

Quando, nel 1606, fu demolita la cappella, Gio- Nel 1809 le copie erano ancora nella galleria

vanni Nicolò Lanari aveva sei anni: 2 nè ancora lanari: i pittori Jacopo Calvi e Pietro Fancelli,

era stato costruito il suo palazzo di Via Galliera.3 incaricati della perizia dei quadri, le stimarono

E da supporre che i pezzi di muro tardassero poco più di cento lire.-

Fig. 1. Bologna, Sagrestia di S. Pietro. - Copia di parte dell'affresco di Ercole de' Roberti.

qualche anno a trovare degno alloggio nell'abita- Gli affreschi originali, che nel 1803 erano un-
zione dei Tanari. Quivi, parecchio tempo dopo, cora murati al secondo piano del palazzo,3 furono
li vide Marcello Gretti, murati nel piano nobile nel T820 regalati dalla famiglia Tanari all'Acca-

e da lui per la prima volta apprendiamo che nella--:-

galleria erano « varie copie in grandissimi quadri 1 II ms. è ricordato dal Giordani nelle note alla Gran-
ché rappresentano le storie della Passione di Cristo, cola del I.amo cit., p. 31, n. 1.

copie fatte da Lorenzo Costa dalli originali di Er- 2 Inventario della quadreria Tanari, Bib. Ambrosini
cole da Ferrara che erano in S. Pietro. 4 cart. 3 dei mss., n. 109 e 104 (ricordato dal Giordani in
----- Catalogo dei libri e mss. attinenti alle belle arti, Bib. Comu-

1 Cronaca Fava. Bib. Com. ms. 23 ce. 78 e 208; G. B. Co- naie, ms. 1807, c. 352). Vi si dice: Baruffe di soldati dalla
KBLLI, Bargi e la vai di Limentra. Bologna, 1917, p. 128. crocifissione copia di Ercole da Ferrara ed altro lire 128,94.

2 Nascite Carrati, Bib. Com. ms. 861, c. 119. Vi era anche una figura intera (S. Sebastiano) di Ercole da

3 G. Guidicini, Cose notabili, II, 171 e Comelli, op. cit. Ferrara stimata lire 161,18, che non so se possa ideriti-

4 M. Oretti, Notizie de' professori del dissegno, Bib. Co- ficarsi col tanto discusso S. Sebastiano della Galleria
munale ms. 123, c. 230-6ÌS e Le pitture che si ammirano Pitti.

nelli palazzi e case de' nobili' della città di Bologna, ivi, ms. 104, 3 G. Gatti, Descrizione delle più rare cose di Bologna,

voi. 2, c. 141. 1803, p. 13.
loading ...