L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 27.1924

Seite: 37
DOI Heft: DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1924/0063
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
CENNI SU SCIPIONE PULZONE DETTO GAETANO, RITRATTISTA

37

Con tutto ciò l'occhio, in verità, un po' stanco della monotonia delle pose, non di
rado impacciate, si compiace di questi nuovi atteggiamenti più animati e più espressivi.

Nell'ultimo periodo della sua attività, il Gaetano ebbe come ispiratore fecondo
Sebastiano del Piombo. Da questo egli trae una maniera più larga e una robusta pienezza
di forme, ottenuta dal contrasto sapiente di luci e ombre. Il nuovo influsso è sensibile
nel ritratto di Cardinale col suo segretario (fig. 9). I due personaggi interrompouo l'uf-
fìzio per guardare con una leggera ostentazione lo spettatore. Nulla di notevole nel
trattamento della figura del cardinale dove ritroviamo press'a poco immutato il vecchio
stile. A fianco dell'eminente porporato, ritto a metà nell'ombra, sta il segretario magistral-

Fig. 10. — Scipione Pulzone : Ritratto di Dama.
Pinacoteca di Monaco.

mente e potentemente dipinto. La sua espressione è grave, il suo sguardo pensoso e
penetrante. La luce giuoca sugli aridi capelli brizzolati e schiara l'ossatura del viso,
intensificandone i rilievi. I margini del breviario, le mani con nocche riquadrate, sembrano
scolpiti nel marmo. Mai carattere più virile di questo era uscito dal pennello di Sci-
pion Gaetano.

Del 1584 è il ritratto di gentildonna (fig. 10) che si trova nella Pinacoteca di
Monaco. Dalla gorgiera si erge, come da candida corolla, la bella testa della signora sor-
ridente e un po' sostenuta nella sua sopravveste di broccato occhieggiante di numerose
perle simmetricamente disposte. L'affocata carnagione del volto, dagli occhi a mandorla
con iride chiara e pupille nere, e l'opulenza delle sue carni han morbidezza voluttuosa.
Ma di tutti il più bello, il più perfetto, il capolavoro, insomma, del Pulzone è il ritratto
che va sotto il nome di Lucrezia Cenci, l'ultimo in ordine di tempo: 1594 (fig. 11). La
grandiosità di composizione non viene questa volta sminuita da disegni minuziosi di
gale, di trine e di ricami. La gentildonna, elegante nella sua rigida compostezza, è
seduta dinanzi a un tavolo e sospende un momento la sua meditazione. Il volto dai linea-
loading ...