L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 7.1904

Page: 73
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1904/0119
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
MISCELLANEA

73

ad attestare che in Sulmona l’arte dell’argentiere e
del cesellatore nel secolo xvi era ancora in fiore.

Sulmona, dicembre, 1903.

P. Piccirilli.

Opere d’arte nel palazzo Caregiani a Venezia.—

Le collezioni private veneziane di opere d’arte, benché

Stampalia, il potente ritratto virile, invano contestato
a Giorgione stesso da alcuni critici, vale d’ampio com-
penso alla noia che prova il visitatore nell’erfare per
quelle venti sale, ove una folla di quadri insignificanti è
ammassata sulle pareti. Cosi la piccola collezione, mal
nota ancora, che si conserva nel palazzo dei Conti Ca-
regiani, è degna di tutta la considerazione degli stu-

Anversa, Chiesa madre. Croce processionale (particolare)

troppo scemate d’importanza e di numero, si impon-
gono tuttavia all’attenzione degli studiosi, pel fatto che,
ciascuna di esse, tra i molti quadri buoni e mediocri,
possiede ancora un capolavoro. La collezione Giova-
nelli trae vanto dal suo Giorgione, la collezione Layard
dal suo Gentile Bellini. Così nella collezione Querini

diosi d’arte, perchè, fra le altre opere, possiede una
delle più autentiche e caratteristiche tavole del miglior
periodo di Bartolomeo Montagna.

Al capolavoro del potente maestro di Vicenza fanno
corona modesta una Madonna, gentile e fine, di Cima
da Conegliano, e un interessante tondo fiorentino degli

L'Arte. VII, io,
loading ...