L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 7.1904

Page: 401
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1904/0456
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
CORRIERI ,;oi

fetti sorprendenti, nel degradare di certi riflessi azzur-
rognoli delle carni lucide e trasparenti, nel roseo delle
labbra, nel grigio dei capelli e della corta barba e nel

teri ben differenti da quelli che si riscontrano nelle
opere generalmente attribuite a Neroccio ed esistenti
nella stessa Siena. Neroccio ha forme più piene, più

San Girolamo. Statua in terracotta policroma. Siena, Chiesa di Santo Spirito

(Fotografia Lombardi)

rosso della grossa camicia a maniche corte aperta sul
davanti fino al ventre.

Chi può essere l’autore delle mirabili statue? Come
abbiamo detto, nel catalogo della mostra la Madda-
lena viene segnata, incertamente, col nome di Neroccio
(secolo xvi, fine). A noi sembra invece che tanto la
Maddalena che il San Girolamo presentino dei carat-

nrolli, meno nervose, più tondeggianti nelle carni, più
abbondanti nei panneggiamenti, dominate da un certo
barocchismo che deriva dall’ imitazione delle forme po-
tenti del grande precursore di Michelangelo, di Iacopo
della Quercia. Cosi pure ci sembra doversi escludere
il nome del Gozzarelli fatto recentemente dal Poggi
(v. Emporium, luglio 1904, pag. 45),

L'Arte. VII, 52
loading ...