L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 28.1925

Page: 250
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1925/0278
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
250

GIUSTA NICCO

un rivestimento, e serve a semplificare e a rendere innumerevoli ornamenti. Il corpo è senza artico-

pianeggiante la struttura. lazioni, la statura tozza; pure quest'angelo ha

La decorazione interna, ininterrotta, come al una sua legge di veduta, e per altra via la figura

battistero, è basata sul rapporto di turchino quasi trova la sua realtà.

indaco e di oro, sul lampeggiare dell'oro sopra Ce ne rendiamo conto se cominciamo ad av-

il turchino quando la luce li sfiora. vertire che gran parte dell'effetto deriva dall'ap-

La luce è qui luce preziosa, e perciò scarsa. È parire dell'angelo entro un campo limitato, che

quella che mandano tre lastre rettangolari di ala- la sua persona occupa (piasi tutto; dall' essere

bastro giallo, sulle lunette degli archi, e tre assai rigorosamente piano, per cui non si separa dal suo

più piccole sul fondo dei lati della croce; altre due fondo. Le membra non sono svolte, tranne le ali

illuminano il corridoio d'ingresso e due stanno a che allargandosi in una posizione irrealizzabile,

fianco dell'arco di testa. Incastonate come topazi ampliano il corpo, eroicamente, e lo mettono in

su un reliquiario, svegliano, arricchendoli, gli ori più complesso rapporto crin la cornice e col fondo

Fig. 5. —■ Mausoleo di Galla Placidia - Ravenna. (Fot. Alinari).

sparsi con abbondanza, in forma di viticci e di 11 corpo cade da un arco all'altro della cornice

animali. in cui sta, utilizzando la retta indicata dagli --in

Stanno a fianco delle finestre figure di santi, goli; l'arco superiore gli riconferma sul capo

messi con intento simmetrico, mirando oltre che l'aureola, e sotto i piedi l'altro lo raccoglie, senza

a rappresentarli ad arricchire con queste immagini reggerne il peso. Di fianco poi le lunghe ali ed altri

bianche la decorazione del mausoleo. Senza riu- nodi d'ali di serafini, messi proprio soltanto per

scirvi però, se non molto approssimativamente, occupare spazio, s'adattano entro la cornice. Non

con una realizzazione grossolana e tentata più prendono tuttavia la forma della cornice, ed il

che fatta; onde le figure non si associano al con- rapporto non è gioco di linee; essi riducono gli

certo delle parti dell'edificio. Perchè? intervalli, rasentano i contorni senza toccarli, e

Per capire bene la deficenza, si prenda sott'occhio distribuiscono intorno alla figura pause che non

l'angelo famoso della Pala d'oro di Venezia (fig. 6). sono vuoto; per cui l'angelo esiste anche fuori di

E in quello attuato perfettamente quel che qui non sè stesso, si ritrova negli intervalli, fa corpo col

è inteso. Si guardi l'angelo e la sua cornice cruci- fondo, e si presenta con una magnifica realtà,

forme. E innegabile la fermezza di questa figura non avendo disperso sè stesso in un fregio, ma

benché per nulla modellata, benché non dotata di avendo attratto per la sua ferma ed ampia cen-

linee espressive, segmentata nell'esecuzione da tralità, dandogli forma, lo spazio attorniante.
loading ...