L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 27.1924

Page: 195
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1924/0221
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
SANDRO B0TTICELL1

195

perfetto nella mirabile pittura finché il seggio marmoreo appariva tronco all'altezza dei
bracciali e il gruppo era campito sopra un nero fondo unito; si sentiva mancare una
nota necessaria alla complessità del ritmo di Sandro, alla sottigliezza del suo senso acu-
stico.

Ma gli intelligenti restauri ridonarono intiera, all'opera grande, la vita: dal fondo nero
emerse, nitido, lo schienale della cattedra, architettura botticelliana tipica, a riquadri

Fig. 4. — Madonna del Botticelli presso la casa Dnveen.
(Parigi-Londra-New York).

oblunghi di marmo scuro, tra cornici bianche: il fondo così sottilmente lineato, a zone
verticali, diede valore alla dolcezza del contorno a mandorla, che circoscrive il gruppo,
lo isolò dal cerchio chiudendone entro una nicchia la forma affusata. Così stabilito il
ritmo generale della composizione, Sandro vi si abbandona, snodando con morbidezza
infinita archi di braccia e di pieghe fluenti, riecheggiando il contorno a mandorla del
gruppo nelle aperture della tunichetta di Gesù allacciata sul fianco, per concludere in una
nota di tensione, a contrasto con la dolcezza indolente di questo ritmo di curve, nella
rigidità improvvisa di un lanceolato lembo di manto cadente dal braccio della Vergine a
terra. Non mi indugio sulla bellezza preziosa dei particolari: le pieghe delle maniche, rac-
colte, da nastri sottili, a foggia di lucenti conchiglie, la mano della Vergine che allunga sul
piede falcato del bimbo le dita nervose, il frastaglio floreale del velo segnato da fili di
luce; i particolari non si possono seguire tanto si fondono nel ritmo incantevole della
composizione. Le tipiche note del colore botticelliano appaiono nel velo violaceo della
loading ...