Bullettino archeologico Napoletano — N.S.2.1853-1854

Page: 113
DOI issue: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1853_1854/0115
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
BULLETTI1V0 ARCHEOLOGICO IVAPOLITAIVO.

NUOVA SERIE

m 39. (15. dell'anno II.) Febbraio 1854.

La partenza di Amfiarao: in vaso dipinto.— Troilo-Europa : in vaso dipinto di Capua.

La partenza di Am/ìarao, in vaso dipinto. nerva sedente, con elmo, asta, ed egida sul petto; e

presso è lo scudo : la dea volge la testa e la sinistra

È già qualche tempo che osservammo presso il a Mercurio, quasi con lui ragionando : nel campo è

negoziante di antichità sig. Raffaele Rarone un im- in alto una patera. Finalmente vedesi Apollo coronato

portante vaso dipinto di appula fabbrica, del quale di alloro, e con un ramo della medesima pianta, iì

diamo ora la descrizione, riserbandoci di farne a mi- quale siede a destra sulla sua clamide, scherzando

glior tempo la pubblicazione. colla sinistra con un bianco cigno, che gli si appressa.

Anfora a mascheroni di circa palmi 3, 5 di altez- Nell'ordine inferiore è un guerriero barbato, cla-
za. I manichi d'ambe le facce presentano nel mezzo midato, con bianco elmo e bianca lorica, sopra un
due bianche teste femminili di fronte, e finiscono in cocchio tratto da quattro cavalli : egli tiene colla si-
nere teste di cigno sul cominciar della pancia. Nella nistra lo scudo e l'asta, e cinge al fianco la spada. I
principale faccia del vaso vedi sul collo ovoli ed altri cavalli sono guidati da una giovanile ed imberbe fi-
svariati ornamenti: non che una testa femminile con gura , col capo ricoperto di bianca galea. II carro è
bianco pileo ricurvo , che sorge dal simbolico fiore, nel momento della partenza ; come si addita dal lento
con laterali ramificazioni. A' due lati veggonsi due muoversi de' cavalli, e da una figura giovanile con
mostri alati con corpo e testa di pantera, ma muniti doppio giavellotto , e clamide, che tiene ancora la
di lunghe corna; ne'quali possono ravvisarsi due Grifi, mano sul collo di uno de'destrieri, palpeggiandolo,
non altrimenti che ne'simili mostri che veggonsi in nell'alto che il carro è per andar via ed allontanarsi,
non pochi monumenti pompejani, come nella mensa II guerriero barbato eh'è nel cocchio volgesi indietro
di marmo, e ne'dipinti delle pareti nella casa da'tetti nell'atto della partenza, allontanando colla destra due
conservati alla strada Stabiana, e come nella lorica giovinetti di assai fresca età , e con clamidi; il primo
della statua di Olconio (an. I. p. 61, s. (1), e an. II. de'quali solleva ambe le mani versodilui, quasi cer-
p.U). Sulla pancia del vaso vedi una importante rap- cando di prenderne la destra, ed il più lontano in-
presentanza formata di due ordini di figure. Nell'or- nalza la sinistra alla fronte in atteggiamento di dolore,
dine superiore vedi Mercurio col petaso dietro le spai- e colla destra abbassata tiene la patera. In un piano
le, avente la clamide, gli alati calzari, ed il caduceo: alquanto superiore vedesi la figura del pedagogo, con
il dio si appoggia ad un albero senza foglie, e dipinto bianca barba , e col solito vestimento, cioè pileo die-
di bianco, incrociando le gambe: in alto è unbucra- tro le spalle, succinta tunica, stivaletti, e bastone, il
nio di bianco. A noi sembra che anche qui ci si offra quale ancora si duole sollevando alla fronte la man-
un novello esempio della divinità de'confini, secondo ca. Finalmente, quasi in mezzo di questa scena di do-
le idee che avemmo la occasione di sviluppare più so- mestico lutto, si vede la figura femminile di un demone
pra in questi medesimi fogli (pag. 98, s.). Segue Mi- alato , con corta tunica , clamide, e stivaletti, e con

serpentelli che le sorgono dalla testa, la quale eleva
(il In questo mostro noi inclinavamo a riconoscere una specie ,11 i /»■■ v «• ti • ■ . 1 1

di chimera. colla destra la fiaccola, e tien colla sinistra la spada

anno 11. 15
loading ...