L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 8.1905

Seite: 182
DOI Heft: DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1905/0229
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
182

MARCEL RFYMOND

Cattedrale, infatti, non aveva cessato di subire delle profonde modificazioni, e portava l’im-
pronta degli stili più diversi, dal piano basilicale di Arnolfo fino alle forme dell’arte gotica
e a quelle della rinascenza. Brunelleschi, in ultimo luogo, ponendo sulla navata centrale
una cornice della rinascenza, aveva modificato il monumento in maniera da rendere per così
dire impossibile la creazione di una facciata logica.

Qualunque imperfezione presenti l’opera del De Fabris, rallegriamoci di vederla così bella.
Essa è la testimonianza ammirevole del culto dei fiorentini per i loro monumenti e dell’alto
valore dei loro artisti, i quali, costruendo e decorando un tal monumento, hanno fatto ciò
che nessun’altra scuola al mondo avrebbe potuto far meglio, ed hanno dimostrato che essi
non erano indegni di succedere ai loro grandi maestri del passato.

Marcel Reymond.
loading ...