L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 25.1922

Page: 234
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1922/0262
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
234

MARY PITTALUGA

Ciò che è la nota peculiare della pittura del Robusti, trovasi, dunque, in germe,
già in questo prodotto dei giovani anni, di carattere tipicamente decorativo.

La seconda tela, di questa sorella, che ho visto a Firenze, presso il R. Ufficio di
esportazione, rappresenta, come il Boschini1 dice, «l'Eterno Padre quando proibisce
il pomo ad Adamo ed Eva ». È, dell'altra, meno ben conservata, ma, attraverso i ne-
fasti effetti di sovrapposte ridipinture e verniciature, serba palese il segno di Jacopo.

Come può indovinarsi anche dalla riproduzione (fig. 2), i due nudi poco ne dicono,

ormai: le forme di Adamo e di Eva, all'Accademia plasmate con tanto senso di colore,
si sono, sotto l'azione di mani profane, sgraziatamente allargate-, appesantite, snervate.

Ma la figura dell'Eterno, che, da un lato della composizione, s'allunga, ancor tutta
sana, dice a gran voce la gloriosa paternità. Il Tintoretto dovè schizzarla in gran fretta,
direttamente sulla tela, com'egli soleva, col suo grasso pennello intriso di bel colore;
e ne fece una di quelle tipiche immagini, che, prive d'ogni consistenza corporea, vi-
vendo soltanto in grazia d'un effetto di luce e di vuoto atmosferico, hanno aspetto di
apparizione irreale.

Del quadro solo questa parte, oggi, è veramente apprezzabile: tuttavia ancora vi
si sente l'originaria varietà pittorica della composizione, la quale dovè esser ben singo-
lare, con quell'alternarsi di motivo chiaro su fondo scuro, a sinistra, e di motivo scuro
su fondo chiaro, a destra.

Che l'opera, poi, appartenga proprio al ciclo dipinto dal Robusti per la Scuola della
Trinità,2 ce ne persuadono, e la testimonianza d'una tela di questo soggetto, in quella

2 Questo quadro era proprietà del conte Sernagiotto
(cfr. Thode, Repertorium, XXIV, 1901, p. 7).
loading ...