L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 24.1921

Page: 10
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1921/0036
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
PIETRO TESTA, INCISORE E PITTORE

Fra il 1603 c il 1617 nascevano a Lucca due dei più astiosi destini che l'intelligenza possa su-

pittori che nella vita e nel carattere parvero desti- bire; e pai ve plasmarsi secondo quel tipo di ar-

nati a un calzante esempio d'antitesi. Erano tista scontroso e tetro che nel 600 trova più volte

Pietro Paolini e Pietro Testa, il primo maestro così liriche personificazioni.

Fig. 1 — P. Testa: // sogno dì Giacobbe. Galleria di S. Luca.

del secondo, dicono non so con quale attendibilità,
gli storici.1

Felice talento fu quello del Paolini: della sua
forza sempre serena attraverso i passaggi dello
stile, parlano con calda voce le belle tele accolte
nelle chiese e nelle sale delle patrie gallerie.

Ma Pietro Testa, spirito travagliato, sortì uno

1 Anche se nato nel 1611 nulla potè materialmente ap-
prendere il nostro artista dal suo concittadino che nel '23
si recava a Roma per restarvi sino a tutto il 30: quando
cioè egli aveva già lasciato da un anno la patria.

Eppure un'idea congiunse così opposte menti.
Quando l'ottimo Lanzi definiva il Paolini « un
allievo della scuola romana secondo la storia,
comechè a giudicarne dalle sue pitture ognuno
scommetteria che fu della Veneta», aveva perfet-
tamente ragione: e bastano i quadri accolti oggi
nella galleria civica di Lucca per dimostrarlo.
Dal passignanismo della Vergine col bambino
fino alla superba tessitura del Convito di S. Gre-
gorio; dalla rude esuberanza della Nascita del
Batista fino alle bravure caravaggesche del trit-
tico del Wallestein, il solido pittore perseguì
loading ...