L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 24.1921

Page: 202
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1921/0230
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Di alcune tracce sul verso della "Crocifissione,, del Tintoretto

nella Scuola di S. Rocco

Redenti indagini hanno ben dimostrato il metodo di preparazione dei dipinti del Tin-
toretto. 1

Resulta ch'egli veniva meticolosamente studiando sul nudo, una per una, le sue
figure, dopo aver osservato l'effetto generale delle luci su statuette di cera, in ap-
posito teatrino: (così si vuol facesse anche il Correggio e, vicino a noi, il Degas). Dai

Kig. i — Venezia, S. Rocco:
disegno nel verso della Crocifissione del Tintoretto.

disegni in piccolo, ripetuti talora due o tre volte per uno stesso personaggio e ricavati
sempre da modelli mascolini, anche per figure femminili, il Tintoretto passava poi allo spol-
vero, grandezza naturale, e lo spolvero trasportava sulla tela, fissandovelo con un grosso
rigo nerastro. Dietro la traccia schietta e onesta disponeva quindi i suoi paesaggi tempe-
stosi e tragici, mentre, sulle membra coscienziosamente calcolate, stendeva sicure, come
su persona viva, le vesti.

Tale metodo esecutivo, oggi ben comprensibile, fu ignoto ai precedenti autori di mo-
nografie sul Tintoretto; dai quali Io studio dei disegni o fu del tutto tralasciato (Thode),
o fu oggetto di trattazione superficiale e troppo spesso erronea (Philipps, Osmaston).

' 1). v. HADELN, Zeichnungen des Tintore/In, in Jahrhuch der preusz. Kumttsamm, 1021, II-III-IV,
|>. 82 e segg.
loading ...