L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 22.1919

Page: 185
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1919/0207
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
APPUNTI PER LA STORIA DELLA PITTURA IN PUGLIA

t85

mandare opere loro in Puglia, ma dopo di essi, cui segue il declinare della grande scuola, il
legame artistico durato per secoli si attenua lentamente e quindi s'interrompe.

* * *

Della seconda metà del secolo XVI, quando si esca dal fecondo seminato della scuola
veneta, rimane ben poco in Puglia che sia meritevole di considerazione.

Nella chiesa della Madonna dei Martiri presso Molfetta, in una grande tavola, si vede
elevata sullo sfondo d'un cielo azzurro annuvolato, la Vergine col Putto fra quattro angeli
che dà il Rosario a Santa Caterina, presente San Domenico. Grigia d'intonazione, manierata,
ma alquanto sobria nelle forme, sembrerebbe anteriore alla data che conserva nella base del
trono: MDLXX, divisa per uno stemma dalle iniziali M. G. G. F.

Altrove sono mediocrissimi quadri d'imitazione fiamminga come il Sant'Antonio col Putto
nella chiesa omonima di Bari e una curiosa rappresentazione della Trinità con l'Immacolata

Fig. 26 — Scuola Veneta: La fuga in Egitto.
Molfetta, S. Bernardino. — (Fot. Pansini).

in San Bernardino a Molfetta. In questo quadro che porta la data 1589, si veggono, oltre i
personaggi essenziali, angeli musicanti con gli emblemi della Passione, San Francesco e San
Giovanni.

Gaspare Movie un fiammingo che dimorava in Bari (come usò avvertire), lasciò il nome
suo in vari quadri dei dintorni come Sant'Angelo di Ruvo, San Bernardino di Molfetta, ecc.

È una tela centinata in cui alita la caratteristica
grandiosità dell'insieme eia solida fattura delle figure
di Paolo Veronese; ma il pessimo stato e la infelicis-
sima ubicazione non consentono di studiarla oggi in
modo adeguato.

Il nome di Paolo porta anche una tela rettango-
lare nel Municipio di Monopoli proveniente da una
chiesa francescana. F completamente ridipinta nella
parte superiore con l'Eterno fra due angeli e la Ver-
gine in gloria col Putto e guasta da ritocchi e dal-
l'umidità che fece sollevare l'imprimitura in basso
dove si veggono Santa Rosalia e San Francesco, San
Pietro e San Paolo seduti questi in un paesaggio bo-

scoso. A destra una scritta rifatta indica il nome e la
data... anteriore d'un anno alla nascita del pittore:
Paulus Viìronen." I Inv. et pin. 1527! E tuttavia
possibile a traverso la rovina presente, notare riscontri
di composizione e di tipi con l'opera del Veronese;
la Vergine si trova simile nella postura nella pala di
San Sebastiano a Venezia e in quella stessa del Duomo
di Bari ; il San Paolo caratteristico, aitante, dalla
lunga barba e l'alta fronte spaziosa e calva. Sembra
perciò un'opera uscita dalla bottega del maestro ed è
verosimile che portasse la firma e la data 1572 male
ridipinta dall'infelice ritoccatore.
loading ...