L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 22.1919

Page: 244
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1919/0266
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
RUFUS G. M ATI Ili k

244

E de dare per la oferta de! di di Santo Lucila
adi 8 d'ottobre 1472 e per ogni anno sol. cinque

lib. — sol. 5 —.

E de dare per la sovenzione e aiuto e sosidio
dell'Arte e per ogni anno sol. sedicj paghando
ogni mese sol. j den. 4 inchomineiando adi primo
d'i luglio 1472 — lib. — sol. r6 —.

E de dare per tutto novenbre 1472 sol. cinque
per la imposta fatta adi 8 d'Ottobre 1472 per gli
penoni de trombette — !ib. — so!. 5.

Mcccclxxii.

2. Lucha di Simone della Robia intagliatore
de avere adi 8 d'ottobre 1472 sol. cinque paghò
chontanti per l'oferta di detto anno a Piero Zu-
cherj Kamarlingo a sua entrata c. 16 —

lib. — sol. 5 —.

E de avere adi 7 di novembre 1472 sol. i° den. 4
pagliati alla chasetta per parte della sovenzione
aluscita — lib. — sol. 1 den. 4.

(Archivio di Stato, Compagnia di San Luca,
Libro Deb. e Cred. 1472-1520, segnato Arti 29
Cod. 2 c. 85* e 86).

Mcccclxxii.

3. Andrea di Marcho della Robia intagliatore
de dare per la grazia fatta adi 17 di Giugno 1472
d'ognj debito perinsino adi primo di Luglio 1472
sol. vj — — lib.— sol. 6 —.

E de dare per la oferta del dì di S° Lucha ad 8
d'ottobre e per lo detto anno 1472-sol. cinque —

lib. — sol. 5 —.

E de dare per la sovenzione de' luogho e Arte
e per ognj anno sol. sedicj paghando ognj mese
sol. i° den. 4 e da chominciare adi primo di lu-
glio 1472 — — lib. — sol. 16 —

E de dare per la imposta fatta el dì di S° Lucha
adi 8 d'ottobre 1472 sol. cinque per pagliare e
penonj de tronbette - lib. — sol. 5 —.

E de dare per la (partita non ultimata).

Andrea di Marcho della Robbja de dare adi 25
dj Nobenbre 1482 sol. dieci per partito uni ver
sale — lib. — sol. 10 —.

Mcccclxxii.

4. Andrea di Marcho della Robia intagliatore
de avere sol. sej paghati per la grazia a Piero
Zucherj K° a sua entrata c. 17 — lib. — sol. 6 —.

E de avere adi 8 d'ottobre 1472 sol. cinque
paghò chontantj per la oferta di detto anno a
Piero Zucherj K° a sua entrata c. 16 —

lib. — sol. 5 —.

E de avere sol. cinque den. 4 paghò chontantj
e andorno in chasetta chome all'uscitta va fuorj
di sua mano sono per parte della sovenzione del-
l'Arte — lib. — sol. 5 den. 4 —.

E de avere insino adi i 1 di Luglio 1472 sol. uno
den. quatro messi in chasetta chome all'uscitta
andava atorno — lib. — sol. 1 den. 4.

E de avere adj 24 daprile sol. due den. 8 paghò
a libro della sovenzione c. 3 a entrata di Bona-
iuto K° — lib. — sol. 2 den. 8.

(Archiv. idem. Cod. idem c. [2° e 13). r, o, 4.

III.

Il documento la cui fotografia pubblico per la
prima volta è già stato edito dal già Hérbert
Home nella sua opera monumentale intitolata
« Sandro Botticelli ». Come si vede dal documento
Andrea della Robbia era camarlingo della Com-
pagnia di San Luca nell'anno 1472 attualmente
però, come dimostrano i documenti, soltanto per
l'ultima parte di detto anno. Nel conto fra la
Compagnia ed Andrea, che appare nella Sez. Il
di sopra, ove è fatto creditore, le prime due par-
tite sono scritte probabilmente da Piero Zucheri
camarlingo della Compagnia fino agli ultimi d'ot-
tobre 1472. La terza partita è scritta da un'altra
mano quella, ne sono convinto, di Andrea della
Robbia.

L'ultima partita è scritta da una terza mano,
probabilmente quella di Bonaiuto, camarlingo da
aprile 1473. Nella fotografia vi sono due calli-
grafie.

Le prime tre righe sono scritte dalla stessa
mano delle prime due partite del documento
suriferito, cioè di Piero Zucheri. Tutto il resto del
conto di candelle è stato scritto dallo stesso indi-
viduo che scrisse la terza partita nel documento
già menzionato.

Ho esaminato tutti i conti fra la Compagnia
e gli altri membri e ho trovato in ogni caso che le
partite scritte tra gli ultimi d'ottobre 1472 e
aprile 1473 sono nella stessa calligrafia che corri-
sponde assolutamente in ogni particolare con
quella che si vede nella fotografia dopo le prime
tre righe.

Perciò si può dire con tutta fiducia che vediamo
nella fotografia la calligrafia di Andrea della Rob-
bia con il suo autografo. Oltre a questo il docu-
mento è di grande interesse poiché contiene i
nomi scritti da Andrea, di altri suoi contempo-
rari famosi come Cosimo Rosselli, Antonio Poi-
laiuolo, Andrea del Verocchio e Alessandro di
Mariano che è detto « Botticello » nel conto tra
la Compagnia e lui stesso. Nel bilancio del conto
delle candelle (c. 145) sono nominati anche Neri
di Bicci e Domenico delle Grillande.

(Achivio di Stato, Compagnia di San Luca
oppure l'Arte della Pittura, Libro Deb. e Cred.
1472-1520 segnato Arti 27 Cod. 2 a c. 144/).
loading ...