L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 22.1919

Page: 44
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1919/0066
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
44

MA RIA KRA SCENINNIKO VA

Ma a queste influenze presto una nuova e potentissima si aggiungeva, superandole
e acquistando il predominio — l'influenza del buddismo — terza tappa nell'evoluzione
dell'arte cinese.

L'introduzione del buddismo nella ( ina è uno di quei fatti storici sorprendenti che,
al pari del cristianesimo, sconvolgono.la vita di tutto un paese e profondamente la mutano.
L'introduzione del buddismo si effettuava lentamente, ma pur tuttavia la nuova religione

penetrava dovunque^ preparandosi a un dominio lungo e durevole, riflettendosi su tutte
le manifestazioni della vita e dell'arte.

Le più pure manifestazioni dell'arte buddistica in Cina sono sculture, potenti e
severe: squadrature di teste e di corpi, panni aderenti alle forme, estremità sproporzio-
nate, ventri sporgenti, petti rientranti, lobi dell'orecchio stirati, allungati, stilizzazione
che aveva significato allusivo alla bontà. Tali sono i caratteri principali della scuola d'arte
in Cina nel v e vi secolo dopo Cristo.

Si creavano le bellissime statue in legno o in bronzo avvolte in panneggiamenti con
lunghe pieghe diritte, cadenti lino ai piedi ad allungare e disegnare la figura; i volti si
illuminavano di enigmatico sorriso. Tra le forme più abituali artistiche erano i trittici,
loading ...