L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 14.1911

Page: 328
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1911/0360
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
32S

LEONE PLANISCIG

teva fare, se si voleva conservare le statuette e non perdere la cornice utile a saldare le
tavole odierne.

* * *

Il vecchio concetto, che la rigenerazione della scultura nel Veneto e in generale nel-
l’Italia settentrionale avvenisse per influsso della scuola toscana, non è errato. Ma a capo
di questo influsso si usò mettere Giovanni Pisano, comprovandolo con la sua presenza a
Padova, ove, oltre alla Madonna firmata nella cappella dell’Arena, che, come opina il Mo-
schetti, fu d’ornamento alla facciata, dovrebbe aver lavorato un monumento per Enrico
Scrovegni. Al monumento funerario di questo Signore, nessuno più congiunge il nome di
Giovanni, anzi con molta probabilità, per non dire certezza, esso è ritenuto opera di quegli

Fig. 8 — San Francesco e parte dell’Adorazione. Frammento dell’Arca del Beato Odorico da Pordenone.

artisti che eseguirono le tombe dei Carraresi agli Eremitani. Nella sagrestia poi della cap-
pella dell’Arena, c’è una statua ritta in piedi, in posizione frontale, vestita con una lunga
cotta, le mani congiunte al petto, in atto di preghiera. Caduta In prima attribuzione, si
cercò di congiungere questa opera a Giovanni Pisano. Ma neppure essa appartiene a Gio-
vanni. Già lo Schnaase ne dubitò, e se il Sauerlandt1 tentenna nel giudicarla, e se quasi
quasi è propenso a ritenerla opera di Giovanni, lo fa soltanto con un dilemma di forma
stereotipa in simili questioni: «Se non l’ha fatta Giovanni, io non conoscerei altro artista,
che per il tempo, l’avesse potuta fare!» Con ragione poi il Supino2 è contrario a ritenerla
opera di Giovanni. Egli la mette nella seconda metà del secolo xiv.

Resta dunque fissato, che di Giovanni, a Padova, non è che la Madonna firmata. Or

1 Max Sauerlandt, Ueber die Bildwerke des Gio- 5 I. B. Supino, Arte pisana. Firenze 1904.

vanni Pisano. Dusseldorf, Leipzig, 1904.
loading ...