Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 7.1897

Page: 29
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1897/0043
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
AUGUSTA BAGIENNORUM

BENE VAGIENNA

SCAVI, MUSEO, ANTICHITÀ ROMANE

TROVATE SUL SUO TERRITORIO

Fra i Comuni italiani che ebbero una grande importanza
nell'epoca romana va annoverata la città di Bene Vagienna
in Piemonte.

Era essa la capitale dei Bagienni, popolo celebre fra i
Liguri abitanti tra il Po, le Alpi occidentali e l'Appennino
settentrionale.

Parlarono dei Bagienni, fra gli antichi scrittori, M. Te-
renzio Varrone, M. Velleio Patercolo, C. Plinio Secondo e
Silio Italico ; due soli nominarono la loro capitale, che Ati-
gusta Bagiennorum era appellata, cioè : Plinio e Ptolomeo.

Si disputa fra i moderni se nei Bagienni sia stata dedotta
una colonia romana, ovvero se la sua capitale debba ascri-
versi fra i municipi. Ambedue le parti si basano sugli stessi
squarci degli autori e su d'una sola iscrizione che gli uni
interpretano in un senso e gli altri in modo diverso ; ma
l'ultima parola non è ancora stata detta al riguardo.

Monsignor Francesco Agostino Della Chiesa, il padre
della Storia piemontese, fu il primo che nella sua relazione
del Piemonte, stampata in Torino nel 1635, riconoscesse
l'analogia fra il nome Bagenne, col quale era chiamata
Bene nel medio evo, col popolo dei Bagienni, di cui venne
loading ...