Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 7.1897

Page: 144
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1897/0158
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
ATTI DELLA SOCIETÀ

(1899).

Adunanza del 22 marzo. — Fra le pubblicazioni perve-
nute alla Società il socio segretario Ferrerò ne segnala una
del socio corrispondente Scati di Casaleggio; Della fonte
bollente in Acqui e degli edifizii eretti intorno alla medesima-
(Alessandria, 1898).

Il presidente Garetta annuncia la morte del socio effet-
tivo Carlo Dionisotti, e pronuncia intorno ad esso le seguenti
parole commemorative:

« Nel breve intervallo dall'ultima nostra riunione, e così
dopo poco più di due mesi, altro de'nostri Colleghi doveva
mancare al nostro convegno. Egli è Carlo Dionisotti, nato
a Vercelli il 30 maggio 1824 dall'architetto Paolino e da
Emilia Curioni. La sua famiglia peraltro era di Cavaglià,
ma erasi trasportata in quell'illustre città per esercitarvi
la professione della medicina.

« E secondo la nostra consuetudine, che è di parcamente
dir de'nostri, basterà avvertire, che il Dionisotti, dopo la
laurea conseguita a Torino il 26 maggio del 1845, diedesi
all'esercizio degli uffizi giudiziarii. Fu giudice al Tribunale
di Vercelli, sostituito avvocato fiscale presso quello di
Saluzzo ; poi nominato segretario del Tribunale di Com-
mercio di Torino ripassò di nuovo alla magistratura, e potè
ottenere col tempo l'elevato grado di Consigliere della
nostra Corte di Cassazione, tenuto sin pressoché agli ultimi
anni del viver suo. Dei suoi studii e cure legali lasciò
loading ...