Bandini, Angelo Maria
De obelisco Caesaris Augusti e Campi Martii ruderibus nuper eruto commentarius — Rom, 1750 [Cicognara, 2516]

Seite: LXXIII
Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bandini1750/0215
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
( LXXIII )

EPISTOLA XIIL LETTERA XIIL
JACOBI STUART ANGLI DEL SIC GIACOMO STUART INGLESE
AD A
CAROLUM WENTWORT MILORD CARLO WENTWORT
COMITEM DE MALTON . CONTE DI MALTON.
PEtis a me , vìr nobilissime, ut qua: nuper "D Chiede V. Ecc. , che le comunichi le mìe osser-
observarim , dum e Campi Martii ruderi- v Azioni satte ultimamente , mentre dalle rovi-
bus erueretur Celebris ilie Obeliscus ab Augu- ne di Campo Marzo si andava [cavando quel celebre
Ito ibidem olim erecflus, & qua: ex iisdem ob- Obelifco erettovi già da Augufto, e ciò che dalle me-
servationibus meis deduci polle arbitrer , tecum defìme ojjèrvazìoni io credo, chepossa dedurfi. Io lo
communicem . Pra:stabo id ego quidem liberi- sarò volentierissimo. Imperocché dovendo per ordine
tissìme . Cum enimjussu Sii vii Valenti Cardina- di S. Em. il Sig. Cardinale Silvio Valenti , che le
lis Eminentissimi, amplissimique bonarum cui- belle arti coltiva , e protegge con ogni impegno, deli-
toris artium , atque patroni , diligenter mi- mare que'geroglisici scolpiti in ejso Obelifco, i qua-
hi delineanda: elìènt nota; illaj Obelisco ipsi in- li vi rimangono ancora dopo la gran barbarie di tanti
sculpta» , qua; polì tantam tot sieculorum bar- secali, sono entrato in una diligentissima ricerca di
bariem adhuc supersunt, multa alia diligentissi • molte altre cofe , le quali tutte per lafciare unpublico
me perscrutatus sum,qua; omnia, ut & obsequii monumento del mio ossequio verfo la fuapersona, e
erga te mei, & grati animi, memorisque , poi! della gratitudine , e memoria , che conservo di tanti
beneficia sané multa, quibus a te cumulatus sum, suoi benesicj , colla ftejsa delineazione dell' Obelifco,
monumentimi aliquod extet, una cum ipsa Ohe- e de' geroglisici, le manderò raccolte in quefìa lettera,
lisci , ac notarum delineatione hiscc litteris sicuro, che ad unperfonaggio suopari amantijsimo in-
comprehensa ad te transmittam , tibi veterum sieme, e peritijsimo de' monumenti antichi, riufciranno
monumentorum & amantissimo , & peritissimo sommamente gradevoli.
futura sané perquam jucunda .
In primis igitur ubi effossTa humo stans ad- Adunque in primo luogo , quando scxvata la ter-
huc Obelisci stylobata apparuit, explorandum ra comparve ilpiedejlallo dell' Obelifco tuttavia inpie-
mihi duxi, num quatuor ejusdetn facies accura- di, /limai bene di ricercare , se le quattro sue facce
te quatuor horizontis cardinibus responderent. corrifpondejsero accuratamente a' quattro cardini dell*
Noram sané ex celebri Plinii loco , Obeliscum Orizonte . Sapeva bene per via delpajso celebre di Pli-
ipsum ab Augurio denotandis Solaribus um- nio, che lo Jìejso Obelisco era siato già dejìinato da Au-
bris destinatum olim fuisse , qui sive prò Ho- guftoper dinotare le ombre Solari, il quale osiaservi-
rologii, sive prò meridiana; tantummodo linea; to di gnomone ad un Oriuolo , o ad una semplice Me-
gnomone sit adhibitus , videbatur profecto bi- ridiana, pareva, che con due lati dovejse essere ac-
nis lateribus debere accurate a Meridie in Se- curatamente diretto da Mezzodì a Settentrione, e cor-
ptentrionem protendi , reliquis autem binis rere cogli altri due da Levante a Ponente. E tale es-
ab Ortu excurrere in Occasum . Et eam sa- sere la pofintra delle piramidi , che tutt'ora rimango-
ne pyramidum adhuc in iEgypto extantium_, no nell' Egitto, lo dimoftra.nopure le notissime ojserva-
positionem esse, notissima; Parisiensìum Aca- zioni degli Accademici di Parigi, cosa , chebasiante-
demicorum observationes demonstrant, quod temente indica , doversi anche agli Obelisci la situa-
eundem Obeliscis etiam deberi situra , satis in- zione medesima. A tal sine applicai alla saccia orienta-
dicat. In eam rem ad Orientalem stylobata; fa- le delpiedefta.Ho il lato di una gran bujsola sornita di
ciem latus applicui amplioris pyxidis acu ma- un ago calamitato, lavorata già da Domenico Lufvergh
gtietica instrucfta; , quam Dominicus Lusver- celebratijjìmo artesice degli ftromenti mattematici, e
gius, celeberrimus mathematicorum instrumen- ritrovai , che lo stesso ago piegava dalla direzione
torumartifex olim construxerat, ac deprehendi della ftessx saccia in circa dieci minuti verso Ponente .
acum ipsam ab ejusdem faciei diredlione minu- (fhiindi trasportata la medesima bujsola alla JMadon-
tis circiter i o. in Occidentem dessedtere . Tum . na degli Angeli, Tempio celebre coftruito entro alle ro~
eadem pyxide ad Thermas Diocletianas transla- vine delle Terme di Diocleziano, applicai parimente
ta, idem latus pariter applicui celeberrima; illi lo stesso lato a quella sì celebre meridiana tirata ivi dal
meridiana; linea; a Blanchino ibidem constru- Bianchini , e trovai, che lo ftesfo ago declinava—*
<3c?c , ac eandem acum reperi gradibus i J. minu- 15. gradi, e 10. minutipure a un dipresso verfo Pa-
ris pariter proxime 10. declinare in Occiden- nente . Vedendo , che quindi ne seguivA una declina-
la zione
loading ...