Schlosser, Julius von ; Rossi, Filippo [Transl.]
La letteratura artistica — Florenz, 1964

Page: 15
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0029
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
I.

LA LETTERATURA ARTISTICA MEDIEVALE.
SGUARDO GENERALE

1. — NELL'ORIENTE GRECO

Se si dà uno sguardo alla letteratura che nasce dopo l'età delle
migrazioni, specialmente in quanto si riferisca alle cose d'arte, le vie
che conducono all'antico appaiono interrotte, e solo qua e là ridotte
a piccoli sentieri, e le rare colonie sorgono su terreno vergine, pro-
prio allora dissodato. Sarebbe da attendersi ancora un ulteriore svi-
luppo immediato su suolo bizantino, ma anche qui si tratta di una
civiltà veramente « medievale », e specialissima, che solo da poco si
è cominciato a comprendere rettamente. Se qui l'antico ha anche una
parte molto maggiore che nell'occidente latino, attraverso una conti-
nuità della lingua intimamente più efficace, tuttavia anche qui dietro
la facciata antica c'è qualcosa di veramente nuovo, la chiesa cristiana
orientale. L'Oriente greco e l'Occidente latino erano andati per vie
diverse già quando eran compresi ambedue in un solo impero, feno-
meno questo che appare molto istruttivo, p. es., nella numismatica
antica, nella monetazione bronzea, fortemente individualizzata, delle
città greche e grecizzanti dal Ponto all'Arabia da un lato, e nella
moneta imperiale unitaria dall'altro. L'ulteriore ripartizione ammi-
nistrativa dell'impero ha tenuto conto di questo, e la divisione del-
l'Occidente latino e dell'Oriente greco fu ancora accentuata dalla
fondazione della nuova Roma, la città di Costantino, fino a quando
ne consegui anche la separazione esteriore e definitiva. L'Occidente
divenne subito preda dei barbari, e nel suo sgretolamento segui l'af-
fermarsi di quelle forze etniche, da lungo tempo in letargo, che en-
trarono poi nella storia come nazioni romaniche e germaniche; l'im-
pero orientale invece resistette, almeno esteriormente, al torrente
saraceno, slavo e mongolico che lo lambiva sempre più da vicino, e
loading ...