L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 15.1912

Page: 187
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1912/0231
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
MINIATURE SPAGNUOLE

187

il re Enrico IV (1454-74) prescrisse a tutti i vescovi del suo regno che facessero un'inchiesta
intorno alla sincerità o meno degli ebrei convertiti. L’arcivescovo di Toledo delegò per questa
indagine Alfonso de Oropesa. E bisogna credere che questo rimase bene impressionato della
sincerità dei giudei convertiti, poiché volle scrivere un libro per attestarlo e per rimproverare
ai fedeli la loro intolleranza.

Questo lo scopo e la materia dell’opera col titolo Lumen ad revelationem gentium. Ed il
codice dell’Ambrosiana crediamo non essere altro che l’esemplare cosidetto di dedica/ offerto
dall’autore al suo committente, l’arcivescovo Carillo. Ce lo dice infatti la miniatura che adorna
il frontespizio del libro (fig. 1) e che rappresenta Fra Alfonso inginocchiato dinanzi al suo

frt'nnnq rumarne noFtg rurhnc---
ejtuSrm ifc rtt
! $140N Ct- m u CV
luJioef^ìffi (munti

./* n/tvrt rem

^ fi Jprco- Ol>octi

>V"**r£* r rfh

“ ,dtM« ftnytn

ttvtt Jiitito. urcv tior&
rtPjtcHtcfe cc ì

ulacumt? jc*nncn*ce *sfr

cv*/fi»nr

>wur.5t#c £b wiMwtitt
ueCtJnocitCjiMtc tnrnìbti\m<
ixmnti&i co£b**t-v**Hfttwto Gr
dea teueCkve^.ftPfi y>n

<s ta G$> iiHilufniP /E itici (vt ve
pp lìcrtntiM. alno GoaCiy

Fig. 3 — Miniatore spaglinolo: Testa di vecchio
Milano, Biblioteca Ambrosiana.

vescovo nell’atto di porgergli l’opera che scrisse a sua domanda. Al f. 7 l’opera s’apre con
questa prefazione: «Incipit praefatio ad reverendissimum patrem ac dominum illustrissimum
dominum Alfonsum Cardilo archiepiscopum toletanum ac hyspaniarum primatem nobilissi-
mum...». Il dono dovette riuscire molto gradito al prelato, oltreché per il contenuto anche
per il lusso materiale del volume. Pare infatti che l’arcivescovo Carillo fosse amante di bei

I Quest’uso di rappresentare al frontespizio d’un
volume l’autore del libro offrendo la sua opera al prin-
cipe, laico o chiesastico che sia, cui la destinava e de-
dicava, invalse specialmente alla corte fiamminga del
duca Filippo di Borgogna.

II miniatore spagnuolo, che s’ispirava a modelli di
questa scuola, seguì tale usanza. Non è però da cre-

dersi che questi libri di lusso siano stati ordinati dagli
scrittori stessi ; furono invece eseguiti per incarico dei
signori che ne avevano fatto richiesta agli autori, e
sono da ritenersi come 1 ’editio princeps die veni va poi
dallo scrittore con qualche solennità offerta al suo me-
cenate.
loading ...